Condividi la notizia

LAVORO

Giada e Jacob Cohën, divorzio che mette a rischio i lavoratori 

L’indotto è a rischio, titoli di coda per la collaborazione tra Giada Spa e Jacob Cohën Company, ad Adria (Rovigo) c’è forte preoccupazione, 100 i lavoratori coinvolti 

0
Succede a:

ADRIA (Rovigo) - Dopo mesi di continuo tira-e-molla, con numerosi incontri, colpi di scena, liti e riavvicinamenti e sforzi di trovare un accordo economico e legale, sembra ormai definitivo ed irrevocabile il divorzio tra le due realtà: la proprietà del marchio Jacob Cohën Company da un lato e dall’altro Giada Spa, che occupa ad Adria e negli outlet in Italia oltre 100 persone.

“La preoccupazione tra i dipendenti di Giada Spa è altissima. Abbiamo già indetto - commentano Fabio Zampirolli Filctem Cgil ed Enrico Rigolin Femca Cisl - una assemblea nella giornata di lunedì per un immediato aggiornamento e confronto con tutte le maestranze dello stabilimento adriese. Jacob Cohën Company ha dichiarato che comunque “resterà in Veneto” per la produzione fino a quando non sarà pronto lo stabilimento in via di completamento a Piove di Sacco, di fatto definitivamente affrancandosi dalla società di Franco Catania che da sempre si è occupata della produzione e dello sviluppo del denim di lusso del noto marchio”.

Non vi è ad oggi chiarezza circa le prospettive per i dipendenti di Giada Spa, che - non bastassero i negativi impatti nel settore moda derivanti dell’emergenza Covid - con il prossimo venir meno delle commesse del maggior committente si trovano in una struttura potenzialmente ridondante.

“Abbiamo sempre mantenuto una costante e cordiale interlocuzione con entrambe le aziende, aggiornando via via i dipendenti - evidenziano i sindacati - ed è evidente che la manterremo, chiedendo appositi incontri già nei prossimi giorni. Ma stavolta, davvero, il divorzio si avvia verso un epilogo che sta preoccupando oltremodo i lavoratori che rappresentiamo e che potrebbe avere anche importanti ricadute nell’indotto, che porta lavoro a centinaia di persone in zona”.

Articolo di Venerdì 3 Luglio 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it