Condividi la notizia

IL CASO

Mattanza di Rosolina mare, caso che necessita di ulteriori riscontri

Disposto l'accertamento irripetibile anche nei confronti dei cittadini cechi che furono indagati per il duplice omicidio di Rosolina Mare del 1998, un mistero irrisolto su cui indaga la Procura di Rovigo

0
Succede a:

ROSOLINA MARE (Rovigo) - Bisognerà attendere gli ulteriori accertamenti dei Ris di Parma, per risolvere il duplice omicidio del 1998 ancora senza un colpevole. Il Reparto Investigazioni Scientifiche avrà il compito di chiarire la “presenza” di alcuni Dna su luogo del crimine. Quello di Gaetano Tripodi, autotrasportatore morto in carcere a Forlì, dove stava scontando la pena per l’omicidio dell’ex moglie Patrizia Silvestri, è risultato presente sui vestiti delle vittime (LEGGI ARTICOLO).

L’uomo arrestato dalla Squadra Mobile nel 2006 a Tor Bella Monaca, era già stato attenzionato dagli investigatori. Il duplice omicidio di Elisea Marcon e della figlia adottiva Cristina De Carli di Paese (Treviso) scosse il Polesine. La prima fu trovata senza vita ai Casoni, la seconda morì nell’Ospedale di Adria per le ferite riportate.

Secondo le prime informative dei Carabinieri dell’epoca, è impossibile che fosse stata una sola persona a compiere il duplice delitto. C’è da dire che all’epoca non esistevano le attuali strumentazioni, l’utilizzo delle banche dati e l’analisi del Dna è piuttosto recente.

Tripodi, originario di Melito Porto Salvo a Reggio Calabria, ma residente a Roma dal 1995, in Polesine si recava per lavoro, la sua presenza a Rosolina mare era compatibile con la sua attività.

Tra le ipotesi investigative, al vaglio la complicità di K. R. e D. M, cittadini della Repubblica Ceca, con il Tripodi, i primi due sono indagati per il duplice omicidio dalla Procura di Rovigo titolare dell’inchiesta, il terzo come già detto è deceduto.

Chiaramente la presenza del Dna non significa un coinvolgimento del Tripodi sulla vicenda, ma è una traccia piuttosto concreta, a distanza di oltre 20 anni.

Il prossimo 8 luglio, il sostituto procuratore Maria Giulia Rizzo ha disposto l'accertamento irripetibile anche nei confronti dei cittadini cechi (LEGGI ARTICOLO DELL'ANTICIPAZIONE DI LEGGO) che furono indagati per il duplice omicidio, delegando i Carabinieri.

Articolo di Venerdì 3 Luglio 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it