Condividi la notizia

POSTE ADRIA

Patrizia Osti: Troppa fila alle poste, gli anziani sono a rischio. L'amministrazione deve intervenire

L'ex assessore del comune di Adria (Rovigo) chiede maggior attenzione da parte dell'amministrazione comunale per quanto concerne le file che si creano alle poste, che potrebbero creare seri problemi alle persone in attesa con questo caldo

0
Succede a:
ADRIA (Rovigo) - "E' sotto gli occhi di tutti, eppure nessuno fa niente". Così Patrizia Osti, ex assessore del comune di Adria, che ha notato e voluto sottolineare una situazione veramente imbarazzante e soprattutto grave fuori dalle Poste di Adria, di piazza Cavour.

"Mi corre l'obbligo evidenziare la lunga fila di persone sotto il sole, che ormai quotidianamente vediamo difronte alle sedi della Poste di Adria (piazza Cavour, corso Garibaldi e diverse frazioni).

"Chi per ritirare la pensione, chi per pagare bollettini iniziano tutti a mettersi in fila dal primo mattino ma, le temperature sono alte anche fin dalle prime ore della giornata e allora mi sorge spontanea rivolgere una domanda all'amministrazione comunale: il comune ha pensato a qualcosa? E' possibile prevedere l'aiuto e/o collaborazione della Protezione Civile magari con un gazebo e delle bottigliette d'acqua? Ci sono comuni, che gia' hanno provveduto".

Proseguendo: "Si sa quanto possano essere pericolosi i colpi di sole e di calore per chiunque, per gli anziani poi". "Pertanto, pur ringraziando Croce Verde che tramite i suoi volontari offre servizi per le persone che non vogliono andare in posta, il tutto contattando il numero amico 333/4342000, non dobbiamo dimenticare che per molti altri, siano anziani o meno, l'uscire di casa, per pagarsi un bollettino o ritirate la pensione significa avere l'occasione di scambiare due parole, acquistare il giornale o magari anche solo per salutare un amico"

"Vogliamo impedirglierlo?".

Articolo di Lunedì 6 Luglio 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it