Condividi la notizia

STORIA A LIETO FINE

"Grazie Domenico, hai salvato la vita al mio compagno". Tragedia sventata a Crespino

Franco stava soffocando, tanto da aver perso conoscienza finendo disteso a terra. il genero lo salva praticando la manovra di Heimlich. Per Stefania, Domenico Manganiello è il "suo eroe"

0
Succede a:
ROVIGO - Stefania, una signora di Conegliano Veneto ha le lacrime agli occhi ricordando quanto ha vissuto venerdì pomeriggio a Crespino, a casa della figlia che abita in via Arginello e che si era recata a trovare assieme al suo compagno Franco ed alla seconda figlia che vive con loro.

Mentre tutti stavano trascorrendo piacevolmente il pomeriggio, a tavola viene servita della frutta fresca, tra cui anche del melone. Franco, 54 anni, ne ingoia un pezzo che, malauguratamente finisce per ostruirgli la trachea, impedendogli di respirare. Il viso comincia a diventare bluastro, in poco meno di un minuto Franco prima perde i sensi con la faccia riversa sul tavolo, poi si accascia a terra battendo le ginocchia e finendo disteso, incosciente.

Scatta il panico generale, Stefania cerca di telefonare al Suem 118 ma è sotto shock e non riesce a dare indicazioni precise. La figlia di Stefania corre a chiamare il marito, Domenico, nel mentre gli operatori chiedono di non riagganciare che avrebbero provveduto a rintracciare la telefonata.

Domenico Manganiello, 37 anni e genero di Stefania, afferra Franco e ripete alcune volte la manovra di Heimlich per rimuovere l'ostruzione delle vie aeree, salvando Franco dal soffocamento.

"Il mio compagno stava morendo, mio genero, dopo che lo ha visto svenire ha fatto il possibile e l'impossibile per riportarlo tra noi, per interminabili minuti" testimonia Stefania raccontando l'impegno di Domenico per scongiurare la tragedia.
"L'avevo vista fare - afferma Domenico Manganiello ricordando un passato di volontario - ma non l'avevo mai effettuata in prima persona".

"Sarò sempre grata al marito di mia figlia - conclude Stefania - lui per me è il mio eroe, ha salvato il mio compagno, ha mantenuto la calma quando io nemmeno riuscivo a parlare con il Suem, ha risolto un problema che senza di lui sarebbe sicuramente diventata una tragedia. Grazie Domenico".
Articolo di Lunedì 6 Luglio 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it