Condividi la notizia

CONSIGLIO COMUNALE ADRIA

12 ore di consiglio per due regolamenti. Cavallari: Abbiamo fatto il lavoro che doveva fare Casellato in commissione

Il consigliere comunale Lamberto Cavallari attacca il presidente di commissione Michele Casellato dopo le 12 ore trascorse in consiglio comunale per approvare ciò che poteva essere discusso meglio in commissione

0
Succede a:
ADRIA (Rovigo) - "Abbiamo perso due serate per voler far passare due regolamenti impuntandosi ad ogni piè sospinto; non abbiamo parlato dei problemi veri, quelli economici e delle scuole". Così il consigliere comunale ed ex candidato sindaco Lamberto Cavallari, dopo le 12 ore totali del consiglio comunale di Adria dell'8 e 9 luglio, nel quale si è parlato esclusivamente del regolamento del decoro urbano e della gestione dei rifiuti, che sono entrambi stati votati dalla maggioranza e quindi attuabili da subito. "24 punti all'ordine del giorno, due regolamenti approvati, questa l'efficienza della macchina amministrativa del sindaco Omar Barbierato".

"Non si può dire che non abbiamo collaborato; è uno scandalo quello che è successo in queste due sere, in quanto abbiamo scambiato un consiglio comunale per una commissione consiliare". Poi rivolgendosi al consigliere comunale Michele Casellato: "Caro presidente della commissione Casellato, io fossi in lei ne prenderei atto, in quanto abbiamo fatto il lavoro che doveva far lei qui in aula e non ha speso una parola per difendere questi regolamenti, non la sentiamo parlare mai".

Sottolineando poi: "Finalmente ci siamo arrivati, abbiamo chiuso una pagina, sicuramente questo regolamento è un lontano parente di quello originale". "Non è normale calendarizzare un incontro per discutere di tre regolamenti in commissione mettendoci un'ora e mezza, per poi arriva qui in consiglio e mettercene 12". "Avete parlato di grosso lavoro per due anni, ma che avete fatto solo voi da soli e non con la collaborazione che tanto paventate". 

Successivamente è il consigliere comunale Michele Casellato che ha risposto: "Ho perso il numero delle volte in cui è stato messo a disposizione il materiale ai consiglieri. Lo stesso regolamento del decoro a me è arrivato il 4 giugno e il 5 giugno tramite pec è arrivato a tutti i consiglieri anche in questo caso". "Quello che dovevo fare come presidente della commissione l'ho fatto". 
Articolo di Venerdì 10 Luglio 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it