Condividi la notizia

CORO ADRIA

Roccato: Ho lasciato il coro Soldanella per aspetti non condivisi nella sua gestione

L'ex direttore del coro Soldanella, Cristiano Roccato, racconta tutto quello che ha fatto per questo gruppo e soprattutto i risultati ottenuti, ma anche il motivo per cui ha deciso di andarsene, specificando la freddezza del comunicato del coro (Rovigo)

0
Succede a:
ADRIA (Rovigo) - "Penso sia una cosa dovuta da parte mia fare un punto chiarimento per quanto riguarda le mie dimissioni consegnate domenica scorsa". Così l'ormai ex direttore del Soldanella, Cristiano Roccato, dopo le dimissioni date proprio al coro adriese (LEGGI ARTICOLO), specificando poi tutto quello che è il suo curriculum e la sua vita artistica fin dalla più tenere età.

"Tanto quello che ho fatto per il coro è per l'amore della musica e di questo gruppo di persone. Portando addirittura il coro Soldanella nel 2015 all'arena di Verona, proprio come grande premio per la sua storia, siamo stati per questo protagonisti". "Nel 2016 inoltre è l'unico coro ufficiale Ail". 

Sottolineando poi: "Penso che il volontariato sia essenziale e mi hanno insegnato che non deve lasciar spazio ai personalismi". "Per questo bisogna sempre mettersi al servizio in ogni caso". "13 anni di tanta esperienza accumulata e imparata, ho dato tanto e ricevuto". 

Aggiungendo poi: "Il coro Soldanella lo porterò nel mio cuore, in quanto mi ha dato tanto a livello culturale". "Più di mille tra messaggi ed email mi sono arrivate da parte di esponenti della coralità veneta e nazionale; il coro va sempre rispettato e spero vivamente che anche con la mia uscita il coro continui a dare il massimo per Adria in tutto e per tutto". 

Concludendo: "Esco dal coro perchè entro tredici anni e dopo un periodo di non condivisioni dal punto di vista gestionale me ne sono uscito in punta di piedi senza fare nessun tipo di caso". "Forse quel comunicato fatto dal coro è stato un pochino freddo". "La non condivisione sta nel fatto che non posso pensare al coro come un peso, come una cosa fatta per forza, ma fatta solo con passione".

 
Articolo di Mercoledì 15 Luglio 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it