Condividi la notizia

#elezioniVILLADOSE

Lucia Pozzato presenta la propria candidatura a sindaco di Villadose [VIDEO]

Figlia dell'ex sindaco Nevio Pozzato ha vissuto la politica fin da bambina in famiglia, crescento ha partecipato alla vita di partito, si è impegnata nel sociale e nelle associazioni. Lucia Pozzato è pronta ad impegnarsi in prima persona per Villadose

0
Succede a:
VILLADOSE (Rovigo) - Lucia Pozzato, candidata sindaco per Villadose, si è presentata venerdì 24 luglio nel salone al piano terra della sede municipale. A sostenerla il comitato Terre Nostre, i movimenti ambientalisti, il Partito Democratico ed Articolo 1 per il Polesine con Rifondazione comunista.

Prima dell'esposizione del programma di governo per la Villadose a guida Pozzato, Barbara Businaro del comitato Terre Nostre e Mirella Zambello, già sindaco a Villadose ed oggi assessore comunale a Rovigo ne hanno tracciato il lusinghiero profilo promettendo l'impegno personale, e dei gruppi che rappresentano, nel sostenerne l'elezione a prima cittadina di Villadose.

Tre i temi cardine del programma elettorale della lista civica che Lucia Pozzato guiderà: ambiente, lavoro e salute. "Non sono tre scatole separate da riempire in tempi e con modi diversi, sono il medesimo contenitore di una qualità della vita ritrovata, da ricercare e perseguire insieme. Sono i punti su cui agire in discontinuità con chi ci ha governato fino ad oggi, insensibile ai concetti, anzi, occasione di scerno nei nostri confronti ogniqualvolta cercavamo di ricordarli" ha specificato la candidata Pozzato.


Tra le proposte la creazione di un forum dell’educazione che si realizzerà con il coinvolgimento dei cittadini di Villadose e delle realtà importanti del tessuto sociale polesano.

Businaro ha voluto ricordare che “Lucia non è una estremista, ma una persona corretta, che intende coniugare lo sviluppo con la qualità della vita, non negoziando l'ambiente”.

La candidata sindaco Lucia Pozzato si è quindi presentata partendo dalla propria esperienza familiare, ricordando le proprie radici, come più volte affermato dalla ex sindaco Zambello.

Sono stata educata all’impegno e al senso del dovere; crescere nella famiglia di un sindaco abitua a pensare che chi si assume la responsabilità di amministrare una comunità deve dedicare tutti i propri sforzi a realizzare ciò che è meglio per i propri cittadini, anche se questo può voler dire sacrificare il tempo da dedicare alla famiglia o alla professione”.


Cresciuta in una famiglia numerosa di 9 persone, ha imparato  a cooperare e condividere fin da piccola. Ha seguito il percorso di formazione dello scautismo Agesci. Ha fatto esperienza di politica in quella che era un tempo la Democrazia Cristiana, il partito del padre. La  famiglia, la scuola sono  stati fondamentali nella sua formazione al punto da diventare insegnante.

”Il mio lavoro di docente mi ha regalato sempre un ricco e coinvolgente incontro con i giovani, con i quali condivido il mio cammino professionale”.

“Avvenimenti successivi mi hanno portata a riavvicinarmi all’impegno civile contribuendo alla costituzione del gruppo di acquisto solidale Il Soffione, del quale sono presidente, che ha portato me ed altri amici ad allargare lo sguardo al territorio in cui viviamo. Mi sono resa conto, specialmente nei 5 anni trascorsi dalla costituzione del Comitato Terre Nostre, che Villadose sta conoscendo un declino nei livelli di qualità della vita mai visto nei decenni precedenti.
Villadose ha perso qualche centinaio di abitanti negli ultimi dieci anni; i cittadini lamentano aria insalubre e servizi insoddisfacenti e la crisi indotta dal Covid 19 non ha fatto che aggravare molte situazioni di precarietà.

Mi sono resa conto che è necessario un cambiamento, che coinvolga tutte le forze che credono in una società giusta, aperta, equa e solidale, dove ogni cittadino possa vivere in un ambiente sano  e sicuro, per sé e per i propri figli.
Mi propongo per guidare questo cambiamento assieme ad alleati che mi sono vicini per storia e  sensibilità politica.

Gli obiettivi principali che con i nostri alleati ci poniamo sono legati ad ambiente,  lavoro, e salute.
Migliorare la qualità della vita dei cittadini e delle cittadine per costruire insieme un paese nuovo da vivere, che metta al centro il benessere e la qualità della vita.

Le politiche sociali saranno una priorità dell’attività amministrativa. La persona, la famiglia e la comunità verranno posti al centro dell’attenzione".

 
Articolo di Venerdì 24 Luglio 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it