Condividi la notizia

CENTRI ESTIVI

Sulla via della conclusione i centri estivi di Ariano nel Polesine

L'assessore ai servizi sociali di Ariano nel Polesine (Rovigo), Martina Boscolo, fa il punto della situazione su quello che è stato lo svolgimento di queste attività estive

0
Succede a:
ARIANO NEL POLESINE (Rovigo) - "Lunedì 27 luglio, comincerà l’ultimo turno di animazione estiva, per la fascia di età 6/15 anni a cura della cooperativa Goccia con il supporto dell’amministrazione comunale di Ariano nel Polesine. Non è stato semplice inventare un’estate ragazzi completamente nuova e in linea con le restrizioni che l’emergenza Covid-19 ci ha imposto". Così l'assessore ai servizi sociali Martina Boscolo.

"Ma si sa, i bambini spesso si abituano molto più facilmente di noi adulti e hanno preso con tranquillità l’uso delle mascherine, spesso coloratissime, e la divisione in piccoli gruppi. Non sono mancati, nemmeno quest’anno, moltissimi momenti di gioco, anche d’acqua, e di laboratori. Inoltre, grazie alla collaborazione con il Gs Ariano e la Pro Loco si stanno organizzando uscite, a piedi o in bicicletta, a tema sportivo e naturalistico".

Aggiungendo poi: "Le animatrici e la cooperativa Goccia hanno, infatti, creato un bellissimo percorso sul nostro ambiente deltino e in particolare sul ricordo della nostra amata Rovra. Ritengo doveroso ringraziare la dirigente scolastica Silvia Polato per l’uso della scuola primaria e i parroci don Gabriele Fantinati e don Fabio Padovan che ci hanno concesso gli spazi oratoriali, per permettere ai bambini di dividersi in più gruppi, non solo su Ariano ma anche su Rivà".

"Ci rammarichiamo, purtroppo, di non essere riusciti ad organizzare l’animazione anche su Crociara: avevamo già pronti ambiente, personale educativo e volontari delle pulizie, ma il numero degli iscritti non ci ha permesso di arrivare a creare un gruppo. E un importante grazie va ai volontari dei gruppi Noi di Ariano e Rivà e della Protezione Civile per essersi messi a servizio gratuitamente con le pulizie, in modo da poter abbassare i costi in carico ai genitori".

Sottolineando poi: "Proprio per sostenere le famiglie, l’amministrazione comunale ha destinato un contributo di 30 euro, o 35 euro nel caso di fratelli, a bambino per ogni settimana di partecipazione all’animazione. Ci è stato possibile abbattere, in questo modo, la metà della retta, già più alta rispetto agli scorsi anni, grazie a fondi propri comunali e ad un finanziamento della Fondazione Cariparo, che ha dimostrato un’importante sensibilità anche in questo ambito e che naturalmente ringraziamo".

Concludendo: "A dimostrazione di quanto fatto in questo anno, non potendo esserci lo spettacolo finale, per la prima settimana di agosto abbiamo intenzione di allestire una piccola mostra con ciò che i ragazzi hanno realizzato durante queste settimane, anche nei centri estivi delle scuole dell’infanzia di Ariano e Piano. Grazie, infatti, alla parrocchia di Ariano e alla scuola dell’infanzia e asilo nido di piano, gestito dalla signora Belluco Rosalia, si è infatti potuto dare risposta anche alle fasce d’età più piccole, dai 0 ai 6 anni, offendo un importantissimo servizio su tutto il territorio comunale".
Articolo di Venerdì 24 Luglio 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it