Condividi la notizia

SANITA’

Il Coordinatore di Forza Italia chiede risposte alla Regione sulla Casa del sorriso 

Fabrizio Rossi, che conosce bene la questione della casa di riposo di Badia Polesine (Rovigo) chiede alla Regione di ripristinare la sostenibilità economica–finanziaria dei servizi erogati, pena lo scadimento della qualità e lo stesso futuro delle Ipab

0
Succede a:
Fabrizio Rossi

BADIA POLESINE (Rovigo) – Anche Fabrizio Rossi, coordinatore di Forza Italia ed ex presidente dell’Ipab badiese, con un comunicato è intervenuto sui problemi della casa di riposo. Fabrizio Rossi riconosce che "Il sistema Veneto delle case di riposo da tempo attraversa delle difficoltà oggettive” ma, proprio per questo, ritiene urgente ed indispensabile un intervento regionale che ripristini la sostenibilità economica–finanziaria dei servizi erogati, pena lo scadimento della qualità e lo stesso futuro delle Ipab. 

Tra le cause di queste problematiche, secondo l’ex presidente, c’è lo scostamento tra i posti letto accreditati e le impegnative di residenzialità spendibili dai cittadini; un fattore molto penalizzante, senza contare lo squilibrio concorrenziale con i soggetti privati, per il quale è necessario ripristinare regole almeno simili. 

“La pandemia da Covid-19, prosegue Rossi, ha indubbiamente acuito queste difficoltà”. Anche se la Casa di riposo di Badia è rimasta virus free, il calo di presenze legato al blocco del turn-over negli accessi pesa molto negativamente sull’equilibrio di bilancio della struttura di accoglienza, infatti dice Rossi: “Anche la Casa del sorriso attraversa purtroppo delle avversità di carattere economico, che potrebbero pregiudicare seriamente il suo stesso funzionamento e la continuità operativa”. È il caso di ricordare che questa struttura ospita 170 anziani e dà lavoro a circa 150 dipendenti e svolge una funzione strategica per il territorio.

Quindi, il Coordinatore di Forza Italia, che conosce bene i problemi della struttura per averla guidata per due lustri, conclude: “ Come partito … ci siamo rivolti alle competenti sedi regionali per far presente la delicata situazione. Ci è stata assicurata la massima attenzione al problema e ci auguriamo che a breve siano adottati dei provvedimenti di aiuto concreto alle strutture protette, delle quali il nostro territorio non può assolutamente privarsi. La nostra casa del sorriso da anni ha reso e rende un servizio prezioso ed insostituibile alla comunità". L’auspicio finale è che presto siano assunte delle decisioni adatte per quanto riguarda il regolamento e le norme sulle Ipab per anziani, affinché il rimedio non arrivi quando la situazione sia divenuta irrimediabile. 

Ugo Mariano Brasioli

Articolo di Mercoledì 29 Luglio 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it