Condividi la notizia

SPORT

Il Rovigo calcio ha iscritto le squadre, può rientrare al Gabrielli

Primo tassello importante dopo un mese di veleni, il Rovigo calcio ha ufficialmente iscritto la prima squadra, la juniores e i giovanissimi regionali, assegnato dal Comune il Gabrielli, temporaneamente

0
Succede a:
Roberto Benasciutti

ROVIGO - Non è ancora tutto definito, ma è già un passo avanti. Una situazione grottesca  (LEGGI AETICOLO), al limite del comprensibile, perfino all’interno della maggioranza di Palazzo Nodari ci sono ancora dei mal di pancia. Nei giorni scorsi anche il consigliere comunale del Pd, Graziano Azzalin e il presidente del consiglio comunale, Nadia Romeo (LEGGI ARTICOLO), hanno chiesto spiegazioni. Ed hanno ragione da vendere. Un mese di luglio orribile per lo sport rodigino, stadio chiuso, due (2) domande per avere in gestione l’impianto, una commissione per stabilire non si sa cosa, e Rovigo calcio fuori dal Gabrielli per una questione burocratica (LEGGI ARTICOLO). Tutto in attesa di un bando di gara e dei lavori di messa norma dello stadio.

Se fosse successo allo stadio Battaglini una cosa simile il sindaco Gaffeo e la sua Giunta avrebbero già dovuto lasciare Palazzo Nodari, a prescindere dalle responsabilità.

Ma finalmente siamo ad una svolta, lo ha annunciato il sindaco Gaffeo nei giorni scorsi (LEGGI ARTICOLO), i lavori si faranno in fretta, entro gennaio 2021 il bando per l’assegnazione definitiva dello stadio (LEGGI ARTICOLO), intanto quella temporanea, che non consente una programmazione, ma almeno garantisce quello esistente, e non è poco.

Martedì 4 agosto è stato assegnato il campo al Rovigo calcio, intanto uno solo, il centrale, per garantire alla società la possibilità di iscrivere le squadre. Sono tre, e non quattro, come annunciato ieri, quelle che necessitavano di un atto formale del Comune. La prima squadra che milita in Prima categoria, la juniores regionale e i giovanissimi regionali. Per il Rovigo calcio non sarà possibile iscrivere la seconda compagine dei giovanissimi sperimentali, per questioni regolamentari legate alla scuola calcio. Società che comunque ha già in programma da questa stagione di rimettersi al passo sotto questo aspetto con la spinta di Luca Reale (LEGGI ARTICOLO). 

Il patron Roberto Benasciutti, l’imprenditore che da mesi ha garantito solidità economica al progetto biancazzurro, ora può entrare di diritto nella società perfezionando l’acquisto delle quote dal presidente Calabria. Operazione slittata più volte, prima il Covid-19, poi la bufera sul Gabrielli che ha messo in standby sponsor e un secondo imprenditore rodigino pronto ad entrare nel progetto.

Nel frattempo si sono anche adombrate illazioni sulla solidità economica del patron, ma la verità è diversa, una società forte, sotto il profilo finanziario, a Rovigo ha sempre fatto paura.

Nel mezzo un mese di veleni, accuse più o meno fondate, una guerra senza quartiere in cui sono intromesse anche altre società, perchè lo stadio Gabrielli, pur costando 40 mila euro l’anno tra utenze e manutenzione, fa gola a molti. E’ una vetrina importante, fa parte della storia del calcio, ma tutte le cose importanti hanno un costo.

Giorgio Achilli

 

 

Articolo di Martedì 4 Agosto 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Sport

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it