Condividi la notizia

#elezioniVENETO2020

Il sottosegretario all’Economia in città per Graziano Azzalin

Il consigliere PD Azzalin con il viceministro del Mef Antonio Misiani: “Roma più vicina di Venezia a Rovigo, prezioso per il Polesine il filo diretto col Governo”

0
Succede a:
Graziano Azzalin e il viceministro all'Economia Antonio Misiani
Graziano Azzalin e il viceministro all'Economia Antonio Misiani
Graziano Azzalin e il viceministro all'Economia Antonio Misiani
Graziano Azzalin e il viceministro all'Economia Antonio Misiani
Graziano Azzalin

ROVIGO - “Siamo di fronte a una situazione purtroppo straordinaria, prima sanitaria e ora economica. Il Governo ha fatto un grandissimo sforzo, l’Europa ha dato un segnale altrettanto forte, mentre l’impegno della Regione è stato inadeguato. Per questo avere un filo diretto con Roma e un interlocutore credibile è prezioso per ottenere i fondi necessari al rilancio del Polesine. A partire dal tema della Zls, un treno che non possiamo perdere”.

A dirlo Graziano Azzalin, consigliere del Partito Democratico e candidato alle Regionali del 20-21 settembre che oggi ha incontrato il viceministro all’Economia e Finanze Antonio Misiani.  “Il Governo con il Cura Italia e Decreto Rilancio ha messo in campo misure concrete, risorse non solo per l’immediato e con il Decreto Agosto, prolungando il blocco dei licenziamenti, rifinanziando la cassa integrazione e prorogando le scadenze fiscali, ha dato un altro segnale positivo. C’è ovviamente ancora tanto da fare, soprattutto per le categorie più in difficoltà come i pubblici esercizi e in generale il piccolo commercio”.

Roma, tirata spesso in ballo da Venezia per giustificare le proprie mancanze, ha dimostrato di esserci - aggiunge Azzalin - La Regione, invece, al di là di tante dichiarazioni roboanti amplificate dalle centinaia di dirette Facebook, si è limitata a una rimodulazione dei fondi, sia per l’agricoltura che per l’industria con risorse inadeguate alle necessità. Sono stati apportati miglioramenti in Consiglio con l’approvazione di alcuni nostri emendamenti, comunque insufficienti. Non c’è stata alcuna manovra aggiuntiva, si è preferito mettere a disposizione subito la quasi totalità dei fondi di rotazione, rischiando di pregiudicare il futuro”.

“Siamo al lavoro per aiutare famiglie e imprese italiane - le parole del viceministro Misiani - L’ultimo decreto da 25 miliardi che sarà approvato questa sera dal Consiglio dei ministri completa le misure adottate da marzo in avanti. Proroghiamo gli ammortizzatori sociali, incentiviamo il ritorno al lavoro dei dipendenti in cassa integrazione, aiutiamo enti locali in difficoltà coi loro bilanci, aumentiamo gli stanziamenti per la scuola e i settori più colpiti, a partire dal turismo e dalla logistica. C’è un insieme di misure da un lato di sostegno e dall’altro che investono nel rilancio del Paese. È un provvedimento cui seguirà  in autunno la legge di bilancio 2021 e soprattutto la grande sfida del piano per la ripresa, sulla base del quale utilizzare le risorse che l’Europa ha messo a disposizione dell’Italia”. 

 

Articolo di Venerdì 7 Agosto 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it