Condividi la notizia

PISCINA ADRIA

Piscina Adria: per Barbierato si stanno solo valutando le proposte da una e l'altra parte

Il primo cittadino chiarisce alcuni aspetti di quelle che sono le trattativa tra comune di Adria (Rovigo) e il consorzio Inn.Nova

0
Succede a:
ADRIA (Rovigo) - “Come già evidenziato con un precedente comunicato (LEGGI ARTICOLO), stiamo lavorando in collaborazione con gli attuali gestori della piscina comunale, per la riapertura  a settembre della parte interna dell’impianto natatorio, con lo scopo di riavviare e assicurare la continuità del servizio pubblico importante per la collettività, misure Covid-19 permettendo”. Queste le parole del primo cittadino di Adria, Omar Barbierato in risposta a quanto dichiarato dal consorzio Inn.nova nella mattinata di venerdì 14 agosto (LEGGI ARTICOLO).  
 
"Un obiettivo che si traduce con l’incontro, avvenuto lo scorso 10 agosto, con il consorzio Inno.Nova Multiservizi e con il confronto diretto con le famiglie della squadra degli agonisti che fruiscono dei servizi della piscina comunale. Proposte per le quali Inno.Nova si è presa il tempo per valutare".

Aggiungendo: "Il sopraluogo di alcune aziende alla piscina comunale, potenziali nuovi gestori, sta nel fatto che come ente pubblico, ci stiamo organizzando per  assicurare la continuità di fruizione di un servizio pubblico degli utenti di Adria e dei comuni limitrofi, nel caso in cui le trattative con l’attuale gestore non dovessero trovare un punto di incontro per la proposta di proroga annuale del servizio, dovuta ai tempi necessari per l’attuazione della gara di appalto".

Concludendo: "Una scelta politica, il bando di gara della concessione del servizio pubblico, sospesa l’anno scorso, in seguito agli interventi urgenti e necessari al tetto situato sopra ad una delle vasche interne. Lavori che hanno cambiato il piano economico finanziario del bando stesso". Motivo per cui sono quindi slittati i tempi per la rimodulazione del bando di gara".

"Quanto riportato nella pec, trattata nella conferenza stampa di stamani da Inno.Nova, - spiega il Sindaco- riguarderebbe la transazione per un eventuale richiesta di mancati incassi nel periodo di chiusura dei lavori alla piscina , già evidenziata da Inno.Nova, con una richiesta spropositata nell’importo”.
Articolo di Venerdì 14 Agosto 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it