Condividi la notizia

CALCIO PROMOZIONE

Badia Polesine: un progetto ambizioso per puntare all'Eccellenza

Il presidente del Badia Polesine (Rovigo) specifica quelle che sono le proprie ambizioni per il futuro, ma soprattutto cosa si potrà fare con la squadra che è stata costruita e che crescerà nei prossimi anni con il settore giovanile

0
Succede a:
BADIA POLESINE (Rovigo) - Concluso con successo il ‘Badia City Camp’, il nuovo presidente dell’Us calcio Badia, Michele Battaglia, parla dei programmi prossimi e venturi spendendosi in un sogno: puntare al salto di categoria.

Completato l’organigramma dirigenziale (nel quale, fra i tre vice, figura il presidente emerito Natale Ferrari) e tecnico della squadra che milita nel campionato di Promozione, il nuovo numero uno ha parlato del futuro calcistico di quella che ha definito: "Una bella realtà, vivace e ben motivata, in cui ho trovato tante persone capaci e motivate e questo mi fa ben sperare”.

"Nell’immediato - ha ammesso il presidente - l’obiettivo resta quello di mantenere la categoria nei prossimi due anni, per arrivare passo dopo passo nel quinquennio al salto in Eccellenza. La crescita deve però passare attraverso un forte e rigoroso rafforzamento societario e alla valorizzazione del settore giovanile, con l’inserimento graduale dei giovani in prima squadra. In questo momento sono quattro i giovani pronti per l’inserimento in prima squadra. Dal punto di vista finanziario e con la necessità di assestare il bilancio anche in conseguenza del fermo Covid-19, il budget è stato ridotto di 10mila euro".

Le idee sono molto belle ma vanno supportate dalla concretezza e per questo abbiamo chiesto se non crede che sia azzardato il sogno del salto in eccellenza, per una realtà come Badia. Battaglia forte della sua esperienza di direttore generale al Cerea in serie D, ha candidamente risposto: “Nella vita bisogna porsi degli obiettivi ambiziosi, altrimenti non avrebbe senso mettersi in gioco e, in ogni caso non è solo una questione di soldi a disposizione”.

Badia, secondo il presidente parte da una base solida e dispone di impianti sportivi sicuramente adeguati anche alla categoria superiore e, confida, che con i risultati anche il pubblico aumenterà. “È chiaro - aggiunge Battaglia - che per fare l’Eccellenza occorrono non meno di 200mila euro, ma sono convinto che in Badia si possano trovare e questa sarà la sfida che ci poniamo, cioè coinvolgere il mondo imprenditoriale nel nostro progetto”.

Consapevole di non essere una persona insostituibile e, aggiunge "di non voler essere un presidente padre padrone”, Battaglia mette a disposizione il suo background nel settore per la crescita societaria in vista della realizzazione del grande sogno. Il nuovo gruppo dirigente che vede un mix fra chi ha segnato la storia del calcio Badia (Natale Ferrari) e forze fresche, per attrarre nuovi sponsor e consolidare il bilancio, dovrà essere abile e puntare su trasparenza e affidabilità.

La sfida dunque è iniziata. Le difficoltà, specialmente con questa pandemia sanitaria, non mancano ma c’è la volontà di superarle e questo è già un buon viatico.

Ugo Mariano Brasioli

Articolo di Sabato 22 Agosto 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Sport

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it