Condividi la notizia

SCUOLA

Assegnazioni in ruolo dei docenti, monta la protesta

La Cisl Padova Rovigo solleva la questione, insegnanti con punteggio maggiore nella graduatoria del concorso straordinario del 2018 sono stati assegnati a province lontane e diverse da quella richiesta rispetto ad altri

0
Succede a:

ROVIGO - La Cisl Scuola Padova Rovigo denuncia le incomprensibili e paradossali situazioni che si sono venute a creare nell’attribuzione della sede ai docenti neo immessi in ruolo, per l'anno scolastico 2020-2021, soprattutto della scuola dell'infanzia e della scuola primaria.

Per motivi legati alle tempistiche troppo ristrette, imposte dal Ministero, e alla difficoltà degli Uffici Scolastici di registrare in tempo reale le rinunce da parte dei docenti inseriti nelle graduatorie di esaurimento con riserva, si è determinata una spiacevolissima situazione: da una parte, docenti inseriti con punteggio maggiore nella graduatoria del concorso straordinario del 2018 sono stati assegnati a province lontane e diverse da quella richiesta; dall’altra docenti con punteggio minore hanno ottenuto la assegnazione sulla provincia da essi richiesta.

“In sintesi – spiega Giovanni Vascon, segretario della Cisl Scuola Padova Rovigo – docenti di Padova e di Rovigo che erano in posizione utile per rimanere nella loro provincia si sono visti assegnare, ad esempio, a Venezia e viceversa. Chi invece stava “in fondo” alla graduatoria è stato accontentato. Questa situazione paradossale sta creando enormi problemi a tante famiglie, perché le richieste espresse dai docenti per lo più sono legate al luogo di residenza e ai loro rapporti familiari. E al di là di questi aspetti c’è da chiedersi a che cosa serva, a questo punto, avere un punteggio maggiore o minore in una graduatoria di concorso, se il senso stesso della graduatoria di merito viene completamente vanificato”.

Tenuto conto inoltre che questi insegnanti si ritroveranno vincolati per ben 5 anni alla sede ora attribuita, senza poter nemmeno ricorrere alla domanda di Assegnazione Provvisoria – come previsto da inopinati provvedimenti legislativi che hanno stravolto il Contratto Collettivo in essere sulla mobilità del personale – risulta inconcepibile che l’Amministrazione scolastica non ritenga di rivedere le operazioni svolte.

“Questa palese ingiustizia va sanata quanto prima – conclude Stefania Botton, segretaria territoriale della Cisl Padova Rovigo – Non è possibile che l'emergenza Covid, imponendo una modalità nuova e a distanza per le suddette procedure, ricada, nelle nostre province di Padova e Rovigo, su decine e decine famiglie, le quali non saranno più in grado di conciliare i tempi di lavoro e di vita familiare, né di curare da vicino la vita scolastica dei propri figli”.

Articolo di Martedì 25 Agosto 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it