Condividi la notizia

L’ALLARME

Due detenuti sulle mura del carcere in segno di protesta

Un italiano ed un egiziano, ristretti nel Carcere di Rovigo, sono saliti sul muro e il tetto scatenando il caos. Sul posto Polizia di Stato, Vigili del fuoco, e il Magistrato di Sorveglianza. Allarme rientrato alle 17 e 30

0
Succede a:

ROVIGO - Giornata complicata nella Casa circondariale di Rovigo, nel primo pomeriggio di martedì 25 agosto un italiano ed un egiziano, detenuti per reati comuni, sono saliti sul muro e il tetto del carcere.

Una protesta che ha fatto scattare l’allarme anti evasione, con posti di blocco in tutto il perimetro di Polizia di Stato e Carabinieri intervenuti a supporto della Polizia Penitenziaria. All’interno della struttura, tra le più moderne del panorama nazionale inaugurata nel 2016 (LEGGI ARTICOLO), la protesta dei due reclusi è nata dal mancato accoglimento della richiesta degli arresti domiciliari, e per le condizioni ritenute “invivibili” all’interno della Casa circondariale. I due, condannati in via definitiva per reati contro il patrimonio (l'italiano), e per spaccio di droga (l'egiziano), sono riusiciti a salire sul tetto di una costruzione interna aprofittando di una rete metallica, e poi si sono arrampicati fino al solaio della struttura alta circa 8 metri.

A dire il vero, l’unica pecca evidente della struttura, come spesso evidenziato dai Sindacati, è la carenza di organico (LEGGI ARTICOLO) della Polizia Penitenziaria (LEGGI ARTICOLO). Casa circondariale di Rovigo che nel recente passato ha anche siglato un protocollo d’intesa con l’Ulss 5 Polesana per la riabilitazione (LEGGI ARTICOLO). 

A risolvere la situazione la Polzia Penitenziaria dopo diverse ore, sul posto il capo della Squadra Mobile della Questura di Rovigo, Gianluca Gentiluomo, e i Vigili del fuoco intervenutI con l’autoscala per prelevare i detenuti, e farli ritornare a più miti consigli. I detenuti hanno chiesto di parlare con il Magistrato di Sorveglianza di Padova, competente per giurisdizione, il quale è arrivato nel Carcere di Rovigo. Intorno alle 17 e 30 la situazione è ritornata alla normalità.

I Sindacati precisano che i detenuti non sono saliti sul muro di cinta del Carcere, ma su una tettoia dei passeggi all'interno della struttura.

Articolo di Martedì 25 Agosto 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it