Condividi la notizia

COMUNE

Contributi alle famiglie per frequenza Centri estivi e utenze domestiche

Approvati dalla Giunta del Comune di Rovigo i criteri per l'assegnazione dei fondi a sostegno delle fasce sociale più deboli, 100.000 euro per il sostegno di spese di utenze

0
Succede a:

ROVIGO - Approvati dalla Giunta gli atti di indirizzo per i criteri di assegnazione alle famiglie dei contributi per la frequenza di Centri estivi 2020 e per il sostegno spese per le utenze. I contributi sono sostenuti da  fondi messi a disposizione dalla Fondazione Cariparo per le esigenze provocate dall’emergenza sanitaria da Covid-19.

Per il contrasto alle povertà e alle fragilità sociali, sono stati stanziati in bilancio  80.000 euro per contributi a famiglie a sostegno della frequenza di Centri estivi e  100.000 euro per il sostegno di spese di utenze.

Con questi fondi, come spiega l'assessore al Welfare Mirella Zambello, la Fondazione ha voluto sostenere l’azione del Comune condividendo la necessità di sostenere le famiglie che si sono trovate in condizioni socio-economiche difficile a causa della sospensione di attività lavorative o, comunque, per la riduzione di risorse economiche essenziali.

L'iniziativa si aggiunge  ad altre forme di intervento pubblico (es. Bonus spesa – bonus baby sitting - Contributi regionali Covid per sostegno spese locazione).

Sono già state avviate  le procedure per poter procere con  l’erogazione dei contributi attraverso due specifici bandi pubblici da svolgere senza ritardo, in considerazione dell'urgenza di corrispondere alle esigenze della cittadinanza.

L'obiettivo è, in particolare, aiutare le famiglie che non hanno avuto accesso al bonus baby sitting o ad altre forme di contribuzioni e che hanno sostenuto le spese relative ai Centri Estivi. Tale intervento intende quindi riconoscere l’importanza per i bambini e gli adolescenti, di svolgere attività di socializzazione ludiche ed educative nei vari Centri Estivi, organizzati nel territorio, tenendo in debita considerazione l’emergenza sanitaria in corso, favorendo  la loro socializzazione dopo il periodo di lockdown che ha comportato la chiusura di tutte le strutture scolastiche ed educative-ricreative,

Di seguito i criteri per l’assegnazione dei contributi economici per la frequenza di minori ai Centri Estivi: possesso di indicatore ISEE ordinario o corrente 2020 non superiore ad €. 30.000,00 in base a distinte fasce; considerazione della frequenza da parte di minori disabili certificati; assegnazione di un contributo massimo di €. 50,00 a settimana di frequenza del centro estivo, fino ad un massimo di €. 200,00 per l'intero periodo di animazione. Per i figli successivi al primo va previsto un incremento del contributo settimanale fino ad €. 100,00 in base al numero dei minori frequentanti (massimo 5), fino ad un massimo di €. 400,00 per l'intero periodo di animazione

L'amministrazione precisa che il contributo comunale è incompatibile con il bonus Inps per comprovata iscrizione ai centri estivi, con il bonus asilo nido goduto per la frequenza del minore al centro estivo e con altri contributi comunali assegnati per la medesima finalità.

 

Per quanto riguarda il bando per i contributi economici destinati alle famiglie per il sostegno delle spese di utenze domestiche, l'assegnazione di contributi (circoscritte a energia elettrica, gas o altra fonte di riscaldamento) viene individuata considerando le spese sostenute per utenze domestiche nel periodo gennaio-giugno 2020.

In tal modo si intende differenziare le azioni di contrasto alla povertà, che possono trovare risposta in altre misure di sostegno, quali: il sostegno delle spese di locazione ricorrono diversi interventi, in particolare gli aiuti stanziati dalla Regione Veneto (deliberazione n. 622 del 19 maggio 2020 “FSA-Covid”), con procedure ora in corso di 'istruttoria delle domande pervenute nel termine del 5 luglio u.s..  la progettualità “Reddito di Inclusione Attiva – R.I.A. 5^ annualità di cui alla DGRV n. 1547 del 22/10/2018 –  DDR n. 129 del 23/11/2018

I criteri per l'assegnazione dei contributi per utenze domestiche; condizione di ammissibilità: possesso di almeno una delle seguenti condizioni.

Perdita del posto di lavoro dalla data del 10/03/2020 o mancato rinnovo del contratto a termine con scadenza successiva al 29/02/2020; Consistente riduzione dell’orario di lavoro (almeno 20%) dalla data del  10/03/2020; Cessazione di attività commerciale/industriale/artigianale/professionale dalla data del  10/03/2020; Sospensione di attività commerciale/industriale/artigianale/professionale dalla data del 10/03/2020, con riduzione di almeno il 20%  degli introiti relativi all’attività; Fruizione di cassa integrazione ordinaria, straordinaria, in deroga, fondi di integrazione salariale, fondi bilaterali di solidarietà, in conseguenza dell’emergenza Covid-19; assegnazione di un contributo compreso fra €. 100,00 e €. 400,00 a famiglia graduato in base al possesso di indicatore ISEE ordinario o corrente 2020 non superiore ad €. 30.000,00;

Viene inoltre precisato che il contributo comunale è . - compatibile con: reddito di Cittadinanza e di Emergenza, Indennità Covid-19, Naspi, Cassa Integrazione ordinaria – straordinaria- in deroga, Fondi di integrazione salariale, Fondi bilaterali di solidarietà,  incompatibile con il godimento di: Pensioni dirette o indirette, pensioni sociali, assegni sociali, trattamenti di invalidità civile.

I bandi saranno consultabili da lunedì 31 agosto, nel sito del Comune: www.comune.rovigo.it

 

 

 

Articolo di Venerdì 28 Agosto 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it