Condividi la notizia

EVENTI

Un grande successo per Rovigoracconta e per tutta la città

E’ stata un’edizione speciale che ha riacceso Rovigo, la più difficile da organizzare con l’emergenza Covid-19. E’ stato uno dei pochissimi festival italiani che si sono realizzati nel 2020

0
Succede a:

ROVIGO - E’ stato un doppio successo la settima edizione di Rovigoracconta, il Festival del libri e della musica che ha portato un’ondata di entusiasmo arancione nelle strade e nelle piazze di Rovigo venerdì 28, sabato 29 e domenica 30 agosto 2020. Non solo in tantissimi hanno risposto all’appello e si sono presentati in centro città per vivere tre giorni di cultura, incontri e musica, ma tutti i partecipanti hanno dimostrato di agire responsabilmente, divertendosi senza mettere a rischio distanze di sicurezza e prevenzione sanitaria. La settima edizione di Rovigoracconta infatti non è stata scontata: per realizzarla l’associazione Liquirizia ha dovuto sognare con tanto coraggio, facendo fronte a tutti gli imprevisti dell’emergenza sanitaria che tutto il mondo sta vivendo, dalla gestione logistica degli spazi alla difficoltà di reperire sponsor.

“L’edizione 2020 di Rovigoracconta è stata un’edizione speciale, la più difficile da organizzare e quella che ci ha messo davanti alle sfide più grandi – spiegano i fondatori e organizzatori di Rovigoracconta, Sara Bacchiega e Mattia Signorini -. Quando abbiamo annunciato che Rovigoracconta non si sarebbe fermato, non avevamo ancora la certezza di riuscire a farlo, e non l’abbiamo avuta per settimane. Il nostro più grande desiderio era quello che almeno partisse, fino all’ultimo è stata la cosa meno scontata di tutte. Sono stati mesi di lavoro intenso, senza pause. Mesi di resistenza e di partite a dadi con il destino e il desiderio di raccogliere e restituire ancora una volta un po’ di bellezza. E la bellezza c’è stata: quella di vedere ancora una volta una città che scende nelle piazze, che non si arrende, che continua a inseguire la meraviglia soprattutto quest’anno, che per la maggior parte di noi è stato forse il più strano della vita".

Il Festival  dei libri e della musica ideato dall'Associazione Liquirizia e organizzato da Giraffe Comunicazione è uno dei pochissimi festival italiani che si sono realizzati quest'anno. Proprio per questo un sentito grazie va agli sponsor, ai sostenitori e agli enti patrocinanti che hanno avuto insieme agli organizzatori il coraggio di resistere e realizzarlo: Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, Confindustria Venezia Area Metropolitana di Venezia e Rovigo, Regione Veneto, Comune di Rovigo, Fondazione Rovigo Cultura, Provincia di Rovigo e Accademia dei Concordi, Fresenius Kabi, ASM SET Rovigo, Pavanello Serramenti, Alì Supermercati, Azienda Agricola Valier, Lanfredini.

 Tantissimi gli ospiti che hanno aderito con entusiasmo all’appuntamento culturale: da Giovanni Allevi ai Tre Allegri Ragazzi Morti, da Mariangela Pira ad Andrea Pennacchi, da Matteo Bussola a Big Fish, da Filippo Magnini al prete coraggio Don Mattia Ferrari, da Alessandra Viola ad Andrea Sesta di Lercio.

Il tema portante della settima edizione è stato “Cambia prospettiva”, un tema nato in questi mesi strani, difficili e di rinascita, che ogni persona ha vissuto fermandosi e rendendosi conto del significato delle parole libertà e speranza. Per andare avanti dopo un momento così duro, anche Rovigoracconta ha dovuto superare i propri limiti, cambiare le abitudini, inventare nuovi modi per condividere. In poche parole, ha dovuto cambiare prospettiva. Dimostrando che ripartire è possibile, sempre.  

 

Articolo di Giovedì 3 Settembre 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Spettacoli e Cultura

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it