Condividi la notizia

LAVORI PUBBLICI VILLADOSE

Pozzato: "Il collegamento tra via Verdi e via Rizzo è un rischio idrogeologico per Villadose"

La candidata sindaco di Villadose (Rovigo), Lucia Pozzato, spiega quale è stato fatto dalla giunta comunale per questo progetto che costerà la bellezza di un milione di euro

0
Succede a:
VILLADOSE (Rovigo) - "Leggere ancora una volta che sarà costruita una nuova strada lunga un chilometro, dal ponte della Cagna per collegare via Verdi e via Rizzo, che costerà 1 milione di euro fa davvero specie (LEGGI ARTICOLO)". Così la candidata sindaco di Villadose, Lucia Pozzato, che entra nel merito del collegamento che avverrà tra via Verdi e via Rizzo, con un costo consistente e gravoso sul bilancio comunale. 

"Sorge il dubbio che questa arteria potrà servire solo per rendere più agevole il traffico dei camion verso le discariche, che temiamo possa intensificarsi, con l’arrivo dei rifiuti anche da fuori provincia. Siamo di fronte all’ennesimo esempio di spreco di suolo agricolo: anche questa ultima azione della giunta uscente di centro destra si dimostra in linea con il triste primato della regione Veneto, la regione italiana che più ha subito la distruzione del verde e del suolo, come dimostrano i tanti disastri ambientali e il dissesto idrogeologico cui il veneto è sottoposto.

“Una scelta svantaggiosa per il territorio di Villadose, che porterà solo rischi dal punto di vista idrogeologico” – afferma Pozzato-. “Una strada inutile, perché oltre a non alleggerire il traffico veicolare, attraverserà Villadose nel punto più basso del territorio comunale e per questo soggetto a problemi di allagamento”. A Villadose servono altre infrastrutture: serve allungare la ciclabile fino alla frazione di Cambio, realizzare nuove ciclabili a Canale e lungo la strada statale, collegando Villadose col capoluogo di provincia e con Adria.

“Un milione di euro è veramente una cifra importante che si poteva impegnare anche aiutando le famiglie, alle quali non basta il buono bebè per decidere di fare bambini. Villadose negli ultimi 10 anni ha avuto un calo demografico  preoccupante. Dare una risposta concreta ai bisogni delle famiglie credo sia lo scopo che debba avere la politica.  Potenziare l’asilo nido, dotare di strumenti multimediali le nostre scuole, curare e assicurare i servizi per gli anziani e le persone non autosufficienti, sono solo alcuni esempi di servizi e infrastrutture pubbliche da realizzare in tempi brevi per il bene collettivo, questo è ciò che rientra nelle logiche prioritarie del nostro gruppo”.

Articolo di Sabato 5 Settembre 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it