Condividi la notizia

AMBIENTE

Basta discariche abusive

Apprezzamento per il lavoro della Guardia di Finanza di Rovigo, e l’assessore del comune di Badia Polesine, Stefano Segantin, annuncia tolleranza zero contro l’abbandono di rifiuti con un piano d’interventi coordinati con la polizia locale

0
Succede a:

BADIA POLESINE (Rovigo) – L’assessore all’ambiente Stefano Segantin, interviene sulla discarica abusiva sequestrata dai Finanzieri a ridosso dell’Adige (LEGGI ARTICOLO) per esprimere apprezzamento e meraviglia. Apprezzamento perché finalmente qualcuno comincerà a rispondere in prima persona del danno ambientale, meraviglia perché solo ora ci si sia arrivati. “È risaputo, dice l’Assessore, che nel nostro comune vi siano situazioni come quella denunciata, per cui cittadini che si sentono esonerati da qualsiasi regola civile usano i terreni agricoli come immondezzai convinti comunque di farla franca”. 

La discarica abusiva sequestrata comprendeva di tutto, autoveicoli, trattori e mezzi di trasporto in totale stato di abbandono e privi delle targhe d’immatricolazione, nonché consistenti quantitativi di lastre presumibilmente di amianto, compresi pneumatici usurati, elettrodomestici, materiale inerte da demolizione resti di mobili e materassi, tubi e materiali plastici, rimandando all'idea che quel sito sia stato utilizzato per anni per l'accumulo incontrollato di ogni genere di rifiuti. 

Bene, dunque, che si sia intervenuti ma  stavolta il titolare della delega all'Ambiente abbandona la prudenza e riaffermando l'impegno dell'amministrazione al contrasto all'abbandono di rifiuti annuncia un piano d’interventi coordinati col Comandante della polizia locale anche con l’uso di foto-trappole. “Sono comunque contento che il sequestro della discarica abusiva di Villa d’Adige abbia fatto emergere una situazione di degrado assolutamente da contrastare, ma non escludo che vi siano altri casi analoghi nel nostro territorio, afferma Segantin, però il tempo dell’impunità deve finire, penso alla situazione scandalosa in località Barchetta, dove mi meraviglia che nessuno dei confinanti dica nulla”. È un esplicito invito ai cittadini onesti a collaborare con le istituzioni. Del resto, esistono delle strutture preposte allo smaltimento degli ingombranti e dei rifiuti speciali, per cui risulta incomprensibile l’abbandono selvaggio. Su questo Segantin è perentorio “Il degrado deve finire, anche per evitare che altri individuino quelle aree come possibili immondezzai”.

“Il Comune, da parte sua, cerca sempre di segnalare e di fare un'opera di controllo, ma possono esserci altre aree o case abbandonate che sono sfruttate in questo modo, con le conseguenze ambientali ne possono conseguire specialmente nei lotti vocati all’agricoltura”. Nel caso specifico la Guardia di Finanza ha interessato l'Arpav per cercare di gestire la situazione ambientale.

Ottima, dunque, l’operazione dei Finanzieri ma, conclude l’Assessore, “… mi piacerebbe che vi fossero altri sopraluoghi specialmente la sera”. Quindi, la provocatoria promessa: “Istituirò un premio personale con tanto di encomio alle Forze dell’ordine che riusciranno a individuare altre situazioni analoghe”.

Ugo Mariano Brasioli

Articolo di Mercoledì 9 Settembre 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it