Condividi la notizia

VELOX SAN MARTINO DI VENEZZE

Cesarino Crivellari: "Tante le proposte, ma mai abbiamo chiesto l'autovelox"

Il consigliere comunale di minoranza mette in chiaro quanto chiesto dal proprio gruppo nell'ultimo consiglio comunale, specificando quanto di sbagliato, a suo parere, è stato detto dal sindaco (Rovigo)

0
Succede a:
SAN MARTINO VENEZZE (Rovigo) - "Come consigliere comunale, visto che il sindaco ritiene che le sue scelte siano sempre state condivise da tutti i cittadini, ho il dovere di far presente che ciò non risponde al vero". Così la dura posizione del consigliere comunale Cesarino Crivellari, che non è assolutamente d'accordo con quanto detto dal sindaco Vinicio Piasentini riguardo il velox da Ca' Donà e Beverare (LEGGI ARTICOLO). 

"Nello specifico: avevamo proposto di realizzare una rotatoria sulla provinciale di via Penisola all'altezza dell'incrocio con via Carducci ma si è preferito l'attuale allargamento della sede stradale; avevamo proposto un ampliamento (possibile) degli ambulatori medici, ma nulla; avevamo proposto, allora, l'installazione di una pensilina protettiva con il posizionamento di qualche panchina visto lo spazio ristretto degli ambulatori, ma non è stata presa in considerazione".

"Solo ora a seguito dell'emergenza sanitaria è stato posizionato un gazebo in collaborazione con l'associazione culturale; avevamo proposto la realizzazione di una rotatoria all'incrocio tra via Penisola e via Cà Donà. Proposta bocciata in favore di un più funzionale, a loro dire, impianto semaforico. Salvo poi aggiustare il tiro, optando per la rotatoria da finanziarsi, però, con i proventi delle contravvenzioni dell'autovelox installato in questi giorni in via Cà Donà".

Sottolineando: "Sicuramente non c'è condivisione sulla spesa sostenuta per costruire il forum, somma che poteva essere utilizzata per migliorare la circolazione stradale o per una riqualificazione del vecchio cinema Arcobaleno. Le ex scuole di Cà Donà che dovevano dapprima essere destinate ad ambulatori medici e poi a centro di aggregazione per anziani, sono state trasformate in un centro per profughi. Decisione non condivisa dalla minoranza e anche contraria a quanto promesso dallo stesso sindaco in campagna elettorale. Dall'ultima programmazione dei lavori pubblici triennali è stata cancellata la realizzazione della pista ciclabile di Via Cà Donà, in quanto, secondo l'Assessore ai lavori pubblici, i cittadini potranno usufruire della ciclo pedonale che verrà realizzata sull'Adige".

Concludendo: "Ci fermiamo qua, ma anche altre sono le questioni aperte. Il sindaco dovrebbe essere più cauto e prudente quando si esprime, assumendosi la responsabilità delle scelte, senza ritenere che siano condivise da tutti".
Articolo di Venerdì 11 Settembre 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it