Condividi la notizia

AGRICOLTURA

Arriva la decontribuzione delle filiere agroalimentari

Scatta il taglio del costo del lavoro in agricoltura per le filiere agrituristiche, apistiche, brassicole, cerealicole, florovivaistiche, vitivinicole ma anche allevamento, ippicoltura, pesca e dell’acquacoltura, anche grazie a Coldiretti Rovigo

0
Succede a:

ROVIGO - “Domani i nostri dipendenti degli uffici fiscali avrebbero dovuto occuparsi dei versamenti – spiega Silvio Parizzi, direttore di Coldiretti Rovigo – ma con la notizia arrivata oggi è scattato ufficialmente il provvedimento esecutivo che permette ai datori di lavoro l’esonero dei versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali per il periodo che va dall’1 gennaio al 30 giugno 2020. Per le imprese agricole, duramente colpite dall’emergenza Covid, questo intervento, di carattere straordinario, è di grande sostegno. Ora speriamo che questa sia la ripartenza per un rilancio produttivo e occupazionale delle nostre aziende”.

Le sollecitazioni di Coldiretti sono state accolte dal ministro delle Politiche agricole Teresa Bellanova che ha messo a disposizione 426 milioni. “Un risultato importante per salvare lavoro e occupazione in settori strategici del Made in Italy in una situazione in cui in Italia il 57% delle 730mila aziende agricole nazionali ha registrato una diminuzione dell’attività secondo l’indagine Coldiretti/Ixe”  ha affermato il presidente nazionale della Coldiretti Ettore Prandini nell’evidenziare “il valore strategico della filiera del cibo con la necessità di difendere la sovranità alimentare e non dipendere dall’estero per l’approvvigionamento alimentare in un momento di grandi tensioni internazionali sugli scambi commerciali”.

Articolo di Martedì 15 Settembre 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it