Condividi la notizia

SANITA’

Sciopero dei lavoratori della sanità privata: adesione in massa

Da 14 anni aspettano un nuovo contratto, da Porto Viro a Rovigo e Santa Maria Maddalena, in molti hanno aderito allo sciopero Nazionale 

0
Succede a:

ROVIGO - Un'adesione altissima in Polesine alla giornata di sciopero dei lavoratori della sanità privata che da 14 anni chiedono il rinnovo del contratto e che nei mesi scorsi hanno assistito “all'inaccettabile e vergognosa marcia indietro di Aiop e Aris, che non hanno firmato dopo che invece avevano sottoscritto la preintesa, in un gioco al rialzo per ottenere la copertura dei costi con fondi pubblici” evidenzia Attilio Minichini della Segreteria UilFpl Rovigo con delega alla sanità.

Alla Casa di Cura di Porto Viro, alle prese con i protocolli scattati dopo la scoperta del focolaio di Covid-19, hanno aderito allo sciopero circa l'85% dei lavoratori, alla Casa di Cura Città di Rovigo, invece, quasi il 95%. Un quinto circa, invece, i lavoratori che si sono fermati alla Casa di Cura di Santa Maria Maddalena. Nutrita la delegazione polesana alla manifestazione regionale, a Negrar, con la Uil Fpl in prima fila. 

“Siamo assolutamente soddisfatti - sottolinea Attilio Minichini - per la riuscita dello sciopero chiediamo ad Aiop del Veneto di prenderne atto: a questo punto è evidente che i lavoratori saranno pronti a tutto per rispettare la pre-intesa di giugno. I dipendenti sanità privata hanno dimostrato tutta la loro professionalità in questi anni e, ancor più, in questo periodo segnato dall'epidemia di Covid, ma oggi hanno evidenziato di essere altrettanto decisi di voler ottenere quanto è loro dovuto. Non solo i complimenti e le lodi nei momenti di emergenza, ma anche i diritti ed i riconoscimenti economici”.

 

Articolo di Mercoledì 16 Settembre 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it