Condividi la notizia

ELEZIONI COMUNALI

Gino Alessio: "Mirella Zambello ha perso qualche pezzo della storia degli ultimi 10 anni di Villadose"

Il sindaco uscente Gino Alessio risponde a quelle che sono state le dichiarazioni dell'ex sindaco Mirella Zambello e della candidata sindaco di Villadose (Rovigo) Lucia Pozzato sui lavori svolti nei 10 anni del suo mandato

0
Succede a:
VILLADOSE (Rovigo) - "Devo dire che mi turba come la candidata sindaco Lucia Pozzato e l’ex Mirella Zambello trattino gli elettori di Villadose. Il voto è cosa sacra e l’espressione di volontà dei cittadini va rispettata sempre e comunque: amici o nemici che siano". Così il sindaco uscente di Villadose, Gino Alessio.

"Certo, dalla loro parte c’è il fatto che a Villadose qualcuna non si è mai vista ed è comparsa nell’ultimo anno, qualcun'altra era scomparsa per rifarsi l’immagine. Purtroppo per la veterana sono passati dieci anni e probabilmente ha perso qualche puntata: da quando non è più in carica, Villadose ha fatto senza e le cose si sono evolute. La bretella per le discariche sventolata dalla Zambello è naufragata nel lontano 2012: il progetto di allora era talmente “lungimirante” che San Martino di Venezze ha bocciato il collegamento con Anguillara provocando il declassamento di via Zennaro a viabilità comunale mandando a rotoli ogni possibilità di finanziamento esterno".

"Colpa dell’amministrazione Alessio o di qualcuno che ha fatto i conti senza l’oste? Peraltro le discariche sono state coltivate da Negri passando per Stocco e Zambello e in più di trent’anni  nessuno ha mai pensato alla viabilità? Certo: ma doveva essere Alessio a recuperare ed è colpa di Alessio se i camion del servizio pubblico rifiuti non hanno alternative al transito per il centro. Ricostruire la credibilità presso gli Enti coinvolti non è stato facile".

Proseguendo: "Ci abbiamo messo impegno e adesso sta procedendo alla progettazione dell’opera, completamente finanziata in parte anche da contributi regionali. In ogni caso il progetto stradale Zambello al nostro arrivo era dormiente, una linea sulla cartina geografica e, a fine mandato (per le elezioni?), naufragato nel mare magnum delle incompiute targate Zambello. Anzi no una cosa compiuta c’è: la scuola, in una zona bassa del territorio a rischio in caso alluvioni, senza certificato di prevenzione incendi e senza palestra".

"Neanche la pista ciclabile davanti a casa sua è completa mancando ancora gli espropri del terreno nonostante fosse l’unica ciclabile nel comune fino agli anni 2000. “Piccole” sviste per carità del nuovo assessore ai servizi sociali del comune di Rovigo che chissà se avrà il tempo e la voglia di dedicarsi ai “cugini di campagna” di Villadose in caso di vittoria".

Concludendo: "Alla nuova candidata sindaco raccomando di verificare quanto gli raccontano prima di sposare strambe teorie e rischiare di prendere in giro Villadose. Il consigliere Stocco in consiglio comunale il 10 settembre ha rivendicato la paternità di Romani e associazione VxL. Dai giornali imparo che invece sono eventi targati Zambello. E’ davvero un giallo. Chissà mai chi dice la verità. Ai villadosani l’ardua sentenza".
Articolo di Venerdì 18 Settembre 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it