Condividi la notizia

CULTURA ADRIA

Continuano le iniziative culturali ad Adria: il 25 settembre arriva il Veneto che Legge

Un appuntamento importante per la cittadina adriese, che anche in questo caso è protagonista già in passato di diversi altre iniziative volte a dare maggior risalto alla cultura (Rovigo)

0
Succede a:
ADRIA (Rovigo) - “L’impegno profuso in questi due anni di invito della cittadinanza alla lettura, continua con la partecipazione al Veneto che Legge. Una manifestazione che ha contribuito ad ottenere la qualifica di Adria “città che legge”.

Le parole del sindaco Omar Barbierato. "Un riconoscimento insignito dal ministero per i beni culturali insieme al centro per il libro e la lettura, che testimonia la qualità del lavoro che l’amministrazione civica sta svolgendo per la promozione e valorizzazione della lettura –rende noto il sindaco Omar Barbierato- un impegno convinto, perché solo aiutando le persone e i più giovani a leggere, possiamo creare una comunità più consapevole dei cambiamenti della società, dei propri diritti e di come saperli difendere".

"Promuovere la lettura significa anche allontanare le persone dalle strumentalizzazioni, dalla violenza e dal cedere a comportamenti sbagliati. Vuol dire invitare i giovani a costruire un mondo a misura loro e per il futuro di tutte le generazioni. Lunga vita alla lettura e a chi ama leggere”.

“Desideriamo offrire alla cittadinanza eventi culturali per riflettere sulla nostra gloriosa storia e i nostri concittadini più illustri attraverso il tema del viaggio nelle sue più ampie e ardite declinazioni: per necessità, curiosità e spirito di avventura. Nel tempo l’evoluzione ci ha poi dotati della fantasia, per cui anche senza partire possiamo viaggiare immaginandolo”. Aggiunge la consigliera comunale Oriana Trombin.

Nella sua proposta l’amministrazione comunale ha previsto iniziative per le diverse fasce di età, coinvolgendo  diverse realtà del territorio, nell’affrontare il tema del viaggio collegato alla mostra da poco riaperta al museo archeologico nazionale Lo sguardo del buio. Il “Cieco d’Adria” e il Tintoretto”. I “Racconti di viaggio, il Cieco Groto e i suoi contemporanei” saranno presentati in una conferenza relazionata dalla dottoressa Sandra Bedetti, alla sala Federighi  di palazzo Tassoni, venerdì 25 settembre alle ore 21.

Un’occasione per scoprire o riscoprire brani delle opere del Groto in cui si raccontano esperienze di viaggio nell’Italia del Cinquecento. A questi saranno accostati testi di altri autori cinquecenteschi, con particolare attenzione agli scrittori Polesani.

Per ragioni organizzative ed essendo i posti limitati, chi volesse assistere alla manifestazione deve prenotarsi al n. 0426-902170. L’iniziativa, giunta alla quarta edizione,  è  promossa dall’assessorato alla cultura della Regione del Veneto in collaborazione con la sezione regionale dell’Associazione Italiana Biblioteche, l’Ufficio Scolastico Regionale, l’Associazione Librai Italiani, il Sindacato Italiano Librai Cartolibrai.

La  manifestazione, mette insieme gli educatori e tutti gli attori della filiera del libro per promuovere la lettura e i libri coinvolgendo le principali agenzie (scuole, biblioteche, librerie, case editrici, lettori professionisti) rivolgendosi a tutti i cittadini con l’obiettivo di contribuire a rendere la pratica della lettura un’abitudine sociale diffusa e riconosciuta. 

Nel contesto culturale, ci sarà la possibilità di poter ammirare le “installazioni” inaugurate in occasione della Notte bianca delle Biblioteche, con suggerimenti di lettura disseminati in tre diversi giardini: presso il giardino della Biblioteca sono esposte due diverse installazioni dedicate rispettivamente ai libri che hanno vinto premi letterari e al tema del viaggio; nel giardino della casa della Cultura Marino Marin sono collocate altre due installazioni dedicate alla poesia e ai grandi personaggi della storia; nel giardino della sede municipale trova spazio un’installazione dedicata al tema “Tra storia e mito”, con una particolare attenzione al mondo greca e romano.
Articolo di Mercoledì 23 Settembre 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it