Condividi la notizia

CASTELNOVO BARIANO CONSIGLIO

Consegna della borsa di studio Giuliano Daccordi, prima del consiglio comunale

Una cerimonia solenne prima del consiglio comunale per la consegna della 53esima borsa di studio intitolata ad una ragazzo che morì tragicamente in un incidente stradale a soli 14 anni (Rovigo)

0
Succede a:
CASTELNOVO BARIANO (Rovigo) - All'inizio della seduta del consiglio comunale di lunedì 28 settembre scorso il sindaco Massimo Biancardi ha presieduto la cerimonia per il conferimento della 53a
borsa di studio intitolata alla memoria di Giuliano Daccordi, assegnata annualmente ai ragazzi che all'esame di licenza media abbiano ottenuto il massimo nella media dei voti finali.

Giuliano Daccordi morì solo 14enne in un tragico incidente stradale quasi all'ora di pranzo lunedì 26 agosto 1967 (era tempo di fiera) all'incrocio urbano fra le vie Spinea e Matteotti. Aveva appena terminato la terza media con esiti eccellenti e si era già iscritto al liceo scientifico di Ostiglia. "Ragazzo ricco di doti umane, lasciò un vuoto incolmabile nella mamma Edna Vallicelli, nel papà Oberdan, nel fratello minore Enrico e nell'intera comunità castelnovese".

Subito si formò un comitato civico che, d'intesa con l'amministrazione comunale e la famiglia Daccordi, in breve raccolse 50 milioni di lire per una borsa di studio annuale onde onorare nel tempo la figura di Giuliano: dal 1968 ad oggi la Daccordi ha avuto cadenza annuale. I 50 milioni sono poi stati convertiti in 25 mila euro subito impegnati in Btp poliennali, la cui cedola periodica permette di finanziare il premio. La cifra è affidata al comune e il responsabile pro tempore è il sindaco; per nessun motivo la cifra può essere intaccata.

Nel 2017 s'è celebrato il 50° al teatro Indipendenza prima di Natale con tanta gente; nell'occasione sono stati premiati un centinaio di borsisti che nel tempo si sono aggiudicati il bel riconoscimento. Nel pieno rispetto delle norme anticovid hanno preso la parola il consigliere delegato alla scuola Paolo Fin, il consigliere di minoranza Luca Zonta, la sindaca dei ragazzi Sara Montagnana, oltre al primo cittadino. Per il 2020 ha vinto la Daccordi Arianna Tiziani, un assegno di 250 euro, una medaglia in argento e un diploma.

La stessa cifra è stata versata tramite la parrocchia alla rodigina famiglia missionaria della redenzione onde finanziare il percorso di studi di un ragazzo brasiliano, questo sin dal 2002. Arianna Tiziani, visibilmente commossa, ha detto di essere: "Lusingata del riconoscimento. Già nel 2012 mia sorella Giulia vinse questa borsa di studio. Adesso sono in prima superiore a Legnago (Minghetti, indirizzo ragioneristico) ma non dimentico i bei anni passati fra i banchi al mio paese".

Il sindaco Massimo Biancardi ha concluso auspicando che: "Dall'anno prossimo si possa ritornare alla formula tradizionale della Daccordi: cerimonia il primo giorno di scuola nell'aula magna del plesso scolastico, pandemia permettendo".
Articolo di Martedì 29 Settembre 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it