Condividi la notizia

ANZIANI 

L’invecchiamento è una sfida che necessita di un nuovo modello sociale e sanitario

Importante incontro promosso da Auser Provinciale Rovigo per mettere al centro gli anziani, l’Italia ha una popolazione fra le più longeve d’Europa

0
Succede a:

ARIANO NEL POLESINE (Rovigo) - Si è svolto giovedì 1 ottobre presso la sala della cultura di Ariano nel Polesine, l’importante incontro Condividere, coinvolgere, connettere le comunità per un Invecchiamento attivo, promosso da Auser Provinciale Rovigo, nell’ambito del progetto #AnzianialCentro, alla presenza dei presidenti dei circoli Auser, di molti volontari e soci e delle Municipalità, Ariano nel Polesine, Corbola, Taglio di Po,  S.M. Venezze, Lendinara partner del progetto. 

Con quasi 14 milioni di anziani over 65, la metà over 75, l’Italia ha una popolazione fra le più longeve d’Europa. In provincia di Rovigo ogni 100 ragazzi fino ai 14 anni ci sono 242,4 persone over 65.

Per il nostro Paese si rende dunque necessario riportare al centro del dibattito il tema dell’invecchiamento.  E’ una sfida che Auser Provinciale Rovigo ha lanciato, in occasione della Giornata Internazionale dell’Anziano, ai Comuni del Polesine, convinta che per far fronte alla complessità dell’invecchiamento sia fondamentale far leva su una rinnovata coesione sociale.

“Per creare modelli efficaci di cura e rafforzare le relazioni sociali - afferma Marinella Mantovani, presidente Auser Provinciale Rovigo - crediamo che si debba instaurare un sodalizio nel territorio tra pubblico, privato e volontariato competente. Gli anziani hanno bisogno di spazi relazionali, nei quali potersi esprimere e raccontare, valorizzare i propri talenti e mettersi a servizio delle comunità in modo nuovo. Gli anziani che hanno l’opportunità di frequentare ambienti coesi e aperti soffrono meno la solitudine e sono meno esposti alla probabilità di ammalarsi. Senza dimenticare che ciò permetterebbe di evitare le disuguaglianze e vivere una vita dignitosa, anche per quanti, a causa di condizioni di svantaggio economico, non hanno accesso ai servizi sanitari o a quelli in cui poter esprimere ancora le tante potenzialità degli over 65.

“Con questo incontro - prosegue Mantovani - volevamo avviare la riflessione, in sinergia con alcuni dei soggetti competenti nel territorio, della necessità di una riforma organica, che integri politiche socio- sanitarie mirate, con strategie che consentano alla società di  tutelarsi di fronte alle sue crescenti esigenze. L’invecchiamento è una sfida che necessita di un nuovo modello sociale e sanitario.”

Durante la mattina spazio e voce anche ad alcuni circoli per raccontar le tante attività che Auser promuove, attraverso i propri volontari e operando in convenzione con Enti Locali e Azienda Sanitaria Locale. Quella di Auser è una esperienza preziosa che ha sviluppato, anche in Polesine, una delle realtà associative più competenti e radicate a livello italiano per quanto riguarda i servizi di cura e socialità verso la persona anziana, rivelandosi un valido supporto per le comunità.

La segretaria provinciale dello Spi-Cgil Nicoletta Biancardi e il direttore del Ciass Daniele Panella hanno incentrato la loro riflessione sull’anziano fragile.

Presenti le municipalità partner del progetto,  Luisa Beltrame sindaco di Ariano nel Polesine, Luigi Viaro sindaco di  Lendinara, Anna Maria Barbirato assessore ai Servizi Sociali di San Martino di Venezze e Boscaro Silvia assessore ai s.s. di Taglio di Po che sono intervenuti per condividere e impegnarsi con l’importante sottoscrizione con  Auser del Patto di Comunità Comunale #AnzianiAlCentro: un impegno concreto che, attraverso un tavolo locale di  coinvolgimento di soggetti pubblici, privati, non profit e profit, che si occupano di terza età in Polesine, ha l’obiettivo di elaborare strategie e attivare iniziative e programmi a misura di anziano, cercando di operare in particolare con modalità integrate, nella prospettiva di un maggiore raccordo tra Enti, per permettere uno sviluppo sistemico dei servizi stessi.

Articolo di Mercoledì 7 Ottobre 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it