Condividi la notizia

CICLISMO

Rovigo ha abbracciato la corsa rosa, in centinaia in centro [VIDEO - FOTO]

Sul traguardo volante di Rovigo passa per primo Simon Pellaud, la tappa Cervia-Monselice è stata vinta da Diego Ulissi. Entusiasmo lungo corso del Popolo per la 13esima tappa del Giro d’Italia 

0
Succede a:

ROVIGO - Tutto è filato liscio, grazie al perfetto lavoro degli uomini della Questura di Rovigo diretta da Raffaele Cavallo, e con il prezioso  coordinamento con tutte le forze dell’ordine del territorio e la Prefettura. Probabilmente erano circa un migliaio i cittadini ad attendere la corsa rosa lungo il corso del Popolo dove era posto il traguardo volante. 

Una giornata di sport che inevitabilmente ha paralizzato la città già al mattino, lunghe code si sono create lungo la circonvallazione, disagi anche per i residenti del centro, ma per il passaggio del Giro d’Italia in centro a Rovigo non c’era altra soluzione. Con le scuole chiuse molti i bambini lungo il percorso, tutti rigorosamente con la mascherina, adulti compresi ovviamente. Rovigo promossa in disciplina in tutto e per tutto. 

L’antipasto al mattino in piazza Vittorio Emanuele II con i ragazzi dell’Emic Bosaro (LEGGI ARTICOLO) annullata invece la manifestazione di E-Bike per una positività al Covid-19 (LEGGI ARTICOLO) .

Appassionati e curiosi davanti alla transenne di corso del Popolo già dalle 13 in attesa dei corridori partiti da Cervia, e diretti a Monselice, per la 13esima tappa del Giro d’Italia. Sul traguardo volante di Rovigo, poco dopo le 14 e 30, è passato per primo Simon Pellaud, con qualche metro di vantaggio sugli altri fuggitivi, guadagnando 12 punti per la classifica della Maglia Ciclamino, 2° Lorenzo Rota (Vini Zabù), 3° Alessandro Tonelli (Bardiani), 4° Geoffrey Bouchard (AG2R), 5° Harm Vanhoucke (Lotto-Soudal), 6° Rodrigo Contreras (Astana), 7° Simone Ravanelli (Androni). Distanziato il gruppo della maglia rosa,  8° Arnaud Démare (FDJ) che guadagna quindi un altro punto su Sagan, secondo nella classifica dei velocisti.

La tappa è stata vinta poco, alle 16 e 14, da Diego Ulissi (ottava vittoria al Giro d’italia come Marco Pantani), maglia rosa sempre sulle spalle di Almeida, giunto secondo sul traguardo di Monselice. A accogliere il vincitore il presidente della Giunta regionale del Veneto Luca Zaia che si è complimentato con Ulissi: "Dalla terra del Pirata Marco Pantani il Giro d'Italia è piombato con una tappa scoppiettante nel nostro Veneto, culla dello sport del pedale. Complimenti a Diego Ulissi, che dopo 4h22' di corsa ha messo mezza ruota davanti a tutti sul traguardo della Cesenatico-Monselice".

 

 

 

Articolo di Venerdì 16 Ottobre 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it