Condividi la notizia

POLITICA

Fabrizio Pavan chiama in causa la Corte dei Conti sulla Pro Loco

80mila euro passati con delibere di giunta dal bilancio comunale alla Pro loco di Lendinara (Rovigo),  Fabrizio Pavan l’aveva promesso e si è rivolto alla Corte dei conti

0
Succede a:

LENDINARA (Rovigo) – Il consigliere comunale di minoranza, nel gruppo Obiettivi in comune, Fabrizio Pavan l’aveva promesso e si è rivolto alla Corte dei conti “…perché alla Proloco i numeri non tornano”. Pavan, ex vicesindaco che in veste di assessore alle Attività promozionali aveva collaborato con la Pro loco, sin dall’avvio della legislatura del secondo mandato Viaro si è posto come elemento essenziale la corretta gestione delle risorse. 

Con questo spirito, scrive nell’esposto, all’inizio del 2020 ho messo in fila le risorse comunali riscontrando un passaggio di denaro comunale dal bilancio comunale alla Pro Loco…  e la cifra superiore a 80mila euro è parsa una “elargizione” totalmente fuori da qualsiasi norma e da qualsiasi correttezza amministrativa, non rispondente alle reali esigenze della città”. 80mila euro passati con delibere di giunta dal bilancio comunale alla Pro loco, senza alcuna spiegazione alle istanze documentali avanzate dal Consigliere che aggiunge “…e non sono entrato nel merito di contributi di commercianti e ditte locali, pubblicità, striscioni che, con i contributi deliberati dalla giunta comunale, costituiscono, presumo, il bilancio della proloco da mettere in approvazione ogni anno agli iscritti-soci”. In effetti, sono sedici le delibere con le quali la Giunta ha stanziato nel 2019 contributi per un totale di 83mila euro all'associazione motivati dalle spese per l'organizzazione di iniziative. Balzano all’occhio 15mila per la fiera di settembre e altrettanti per il mercato in fiera e Opplà svolti nel periodo fieristico, 12.880 euro per le iniziative delle festività natalizie, 7mila per il rifacimento delle luminarie natalizie, 6mila euro per la gestione della pagina Facebook del Comune di Lendinara nel 2018 e nella prima metà del 2019.

Il 13 gennaio 2020, Pavan aveva presentato sull’argomento una “question time” alla quale l’assessore Fioravanti aveva risposto, “…come si legge nel verbale del consiglio comunale, ringraziando la Pro loco per l’operato” e non dava spiegazione di quanto richiesto ovvero la rendicontazione del contributo assegnato. In quella sede Pavan annunciava la presentazione di una mozione sull’argomento in cui chiedeva l’obbligatorietà della rendicontazione a trenta giorni dalla deliberazione del contributo, ovviamente, con pezze giustificative e di presentare entro il 30 marzo la rendicontazione del 2019. La maggioranza ha bocciato la mozione e l’assessore Fioravanti si impegnava a produrre tutta la documentazione richiesta. “La documentazione non è mai pervenuta, dice Pavan, ma non avevo dubbi” e, come aveva annunciato in consiglio comunale, tutta la documentazione è stata inviata alla Corte dei conti di Venezia, per una valutazione sulla regolarità amministrativa della giunta comunale e di Pro loco Lendinara. Tutto questo si poteva evitare dando risposta alle richieste del Consigliere.

Ora spetterà alla Corte dei conti valutare gli atti ed emettere sentenza.

Ugo Mariano Brasioli

Articolo di Sabato 17 Ottobre 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it