Condividi la notizia

SICUREZZA

Telecamere e foto trappole contro chi abbandona i rifiuti

La Polizia locale Medio Polesine, che vede in prima linea il comune di Polesella (Rovigo), aumenta i sistemi di videosorveglianza con due modelli mobili e di nuova generazione 

0
Succede a:

POLESELLA (Rovigo) - Il servizio di polizia locale associata del “Medio Polesine” con capofila Polesella intende incrementare il livello di controllo e sorveglianza del territorio e lo fa affidandosi a mezzi moderni e all’avanguardia. Nelle settimane scorse, dopo che la conferenza dei sindaci ne aveva avvallato l’acquisto, sono stati acquisiti due dispositivi di videosorveglianza mobile modello E-killer, che consentiranno di rispondere ad alcune esigenze manifestate dai sindaci dei comuni della convenzione. 

In particolare, il Sindaco di Polesella Leonardo Raito e il comandante della Polizia Locale Silvio Trevisan sottolineano i motivi che hanno portato all’investimento di 15.000 euro:  “I comuni associati segnalano sempre più problematiche relative ad abbandono di rifiuti in alcuni punti critici dei territori, specie in quelli non coperti da videosorveglianza. Si tratta di abbandoni per i quali è molto difficile reperire elementi utili per identificare e punire gli autori, con azioni che comunque obbligano i comuni a costi elevati per gli interventi di bonifica che spettano alle municipalità. Per questo motivo, considerato anche il regolamento intercomunale per la video sorveglianza prevede la possibilità di utilizzare particolari telecamere e/o foto trappole per il controllo di questi fenomeni, si è deciso, dopo una ricerca di mercato, di investire su due apparecchi che hanno caratteristiche utili a combattere il fenomeno, strumenti solidi e dotati di tecnologia all’avanguardia che dovrebbero dare un contributo significativo alla risoluzione del problema”.

Le apparecchiature, finalizzate a contrastare vandalismi e abbandoni, potranno essere collocate in posti sensibili dei territori e fornire un contributo determinante sia in chiave di prevenzione che di indagine.  

Articolo di Lunedì 19 Ottobre 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it