Condividi la notizia

MOTORI

Fenomeno auto usate, il boom nei prossimi anni

Il Decreto Rilancio ha previsto l’introduzione di sconti e di agevolazioni relative all’acquisto di macchine usate: solo il 60% degli oneri fiscali che sono dovuti per il passaggio di proprietà della vettura che si compra

0
Succede a:

Prendendo in esame i trend dei grandi Paesi europei e degli Stati Uniti relativi al mercato dell’auto, gli esperti stimano un boom dei veicoli usati. Se è vero che in questi mesi la voglia di usare i mezzi di trasporto pubblici non è certamente alle stelle, per il timore di essere infettati dal coronavirus, ecco che il desiderio di possedere una macchina privata fa capolino come forse mai era accaduto in precedenza. D’altra parte non tutti hanno abbastanza denaro a disposizione per acquistare un modello nuovo, e in una situazione del genere non c’è altro rimedio che puntare sull’usato. Nel giro dei prossimi 5 anni, in base a ciò che è stato reso noto attraverso un’analisi effettuata da Research Reports World, in tutto il mondo la domanda complessiva di auto di seconda mano è destinata ad aumentare a un ritmo molto più alto rispetto alle previsioni.

Gli effetti sul mercato

In termini pratici, questo vuol dire che nei più importanti mercati europei, e cioè quelli del Regno Unito, della Spagna, dell’Italia, della Francia e della Germania, i valori residui dell’usato dovrebbero mostrare una tenuta discreta, soprattutto in relazione al segmento delle vetture piccole. Sempre riprendendo il report dell’istituto di analisi, un grande ostacolo rispetto alla tenuta del valore delle macchine usate potrebbe essere rappresentato dalle politiche intraprese dai governi per gli incentivi al mercato del nuovo, a cause delle quali i prezzi nei mercati delle vetture usate potrebbero risentire di conseguenze negative o vere e proprie distorsioni.

Gli ecoincentivi del Decreto Rilancio

Vale la pena di tener presente, tra l’altro, che ad agosto il Decreto Rilancio ha previsto l’introduzione di sconti e di agevolazioni relative all’acquisto di macchine usate: una decisione che ha incontrato i favori degli esponenti della filiera, che da tempo attendevano misure in tal senso. Ma che cosa prevede di preciso la legge? In pratica, le persone fisiche che rottamano, a partire dallo scorso 1° luglio e fino alla fine del 2020, una macchina usata di classe Euro 0, Euro 1, Euro 2 o Euro 3 e al tempo stesso comprano un veicolo usato che sia almeno di classe Euro 6 con emissioni di anidride carbonica non superiori a 60 grammi per chilometro possono pagare solo il 60% degli oneri fiscali che sono dovuti per il passaggio di proprietà della vettura che si compra. Lo scopo di tale iniziativa è quello di garantire un sostegno a chi compra una macchina di seconda mano che inquini di meno rispetto al veicolo che si rottama.

Gli acquisti online

La tendenza dell’usato in aumento trova una conferma ulteriore nella crescita degli acquisti online, che ovviamente nel corso del lockdown hanno conosciuto una notevole impennata. I dati in salita riguardano in modo particolare la richiesta di auto ibride. L’Osservatorio di brumbrum, che è uno dei più importanti rivenditori di macchine via Internet nel nostro Paese, ha reso noto che tra gennaio e agosto del 2020 tale richiesta è aumentata di quasi il 90% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.
Cercando nei motori di ricerca “auto usate Veneto” avrete la possibilità di trovare le pagine di brumbrum e disporre di un vasto assortimento di modelli in grado di soddisfare le esigenze più diverse e, quindi, di assecondare ogni desiderio.

I dati ricavati dai passaggi di proprietà

Indicazioni interessanti si ottengono anche se si prendono in esame i dati Aci che riguardano i passaggi di proprietà. Ebbene, si potrebbe scoprire che nel corso del mese di agosto il diesel è stato la motorizzazione più scelta, con un dato superiore al 53%, a fronte di poco meno del 35% fatto registrare dalla benzina. Il Lazio, invece, è la regione in cui l’acquisto di auto di seconda mano è cresciuto di più, con un aumento di oltre il 16% per più di 19mila unità. Al secondo posto c’è la Lombardia, con numeri assoluti più alti (oltre 26mila unità) ma una crescita di poco superiore al 14%, mentre sul terzo gradino del podio si colloca la Campania, con circa 16mila unità e un trend in salita intorno al 13%. Per quel che riguarda le singole città, invece, Milano cresce di oltre il 20% e Roma sfiora il 21%, mentre Napoli supera il 18%.

Quando comprare una macchina usata

I prezzi delle macchine di seconda mano ad agosto sono calati dello 0.6%, in confronto al mese di agosto dello scorso anno, e lo stesso dato vale anche per il mese di luglio. Questo vuol dire che se si ha in programma di comprare una vettura usata conviene affrettarsi, in quanto è molto probabile che nel corso delle prossime settimane si assista a una crescita dei prezzi. Quel che è certo è che la domanda del nuovo in questo momento è nettamente surclassata rispetto a quella dell’usato.

Articolo di Lunedì 26 Ottobre 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Rubriche

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it