Condividi la notizia

SANITA' ADRIA

Pierpaolo Ballo: "Dall'amministrazione non si è mossa parola per la sanità in questi mesi"

Il segretario del Partito Democratico di Adria (Rovigo) spiega quanto è emerso dall'ultimo incontro con simpatizzanti e appartenenti al partito sulla questione sanità; specificando che l'impegno da parte loro è sempre al massimo

0
Succede a:
ADRIA (Rovigo) - "Il Partito Democratico di Adria è tornato a parlare della sanità". Con queste parole il segretario della sezione di Adria Pierpaolo Ballo ha aperto la discussione nella riunione “aperta” che ha avuto luogo nei locali della sede di via Che Guevara.

"Purtroppo su questo tema così delicato da mesi non si muove foglia, non si sente neanche una “parola” da parte dell’amministrazione comunale nonostante avessimo chiesto di portare a discussione l'Ospedale di Adria ed i servizi, neppure da altre forze politiche, quasi che se le cose fossero tutte risolte, perfettamente funzionanti, che tutto andasse bene, una realtà smentita dai fatti, dalla chiusura parziale da tempo dei servizi nei Centri Socio Sanitari e nel territorio, da un ospedale dove gli investimenti latitano sostituiti da continue riorganizzazioni che ne stanno impoverendo l'offerta".

Proseguendo: "Nella riunione è emersa la volontà di aprire una fase di dialogo e di collaborazione non solo con il primo cittadino, ma con tutte le altre forze politiche che vogliano abbracciare l’idea di affrontare il grave problema
in una situazione in cui molti pensano sia già troppo tardi. Da parte del Partito Democratico la volontà di andare oltre l’appartenenza politica, la sigla, una battaglia comune per la salvaguardia dei servizi che interessano l’intera cittadinanza dalla quale nessuno possa sentirsi escluso perchè la riduzione dei servizi sanitari e la caduta delle prestazioni non è una perdita per cittadini di “destra o sinistra”, ma è una perdita per tutta la città e per il territorio bassopolesano , una rivoluzione negativa perpetrata che, coperta e approfittando della emergenza Covid, regala la sanità ai privati".

"In questa fase iniziale fondamentale chiede ed apre alla collaborazione più larga possibile, per rendere più forti le eventuali richieste che verranno poste all’attenzione del direttore generale dell’ulls 5 Antonio Compostella e alla Regione". "Su questo il gruppo di lavoro sulla sanità della sezione di Adria sta lavorando alla stesura di un documento condiviso con i propri rappresentanti regionali che contenga proposte chiare e attuabili da proporre all’attenzione di tutto il consiglio comunale esteso alla assemblea dei sindaci senza perdere tempo perché l'atto aziendale è vicino alla stesura finale e le voci di perdita ulteriore di dipartimenti e di reparti in crisi per mancanza di personale sarebbe una ulteriore beffa di fronte alle promesse che la Direzione Generale e Antonio Compostella hanno fatto in questi anni".

Il Segretario del Partito Democratico, non prima di aver ricordato nel suo intervento la mancanza della figura importante di Claudio Sinigaglia, scomparso recentemente, del suo contributo attivo e presente fino alla comparsa della malattia, si augura che l'invito a collaborare venga accolto, e che per il bene di Adria e dei suoi cittadini si apra una fase nuova di collaborazione e dialogo.
Articolo di Mercoledì 28 Ottobre 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it