Condividi la notizia

IL CASO

Pescatori rapiti in Libia, anche il Polesine si mobilita

Sono 18 e sono pescatori trattenuti contro la loro volontà in Libia. A Rovigo e a Porto Tolle sono comparsi due striscioni per sensibilizzare l’opinione pubblica 

0
Succede a:

ROVIGO - "Liberate i pescatori italiani". È questa la frase che questa mattina campeggiava su uno striscione ai piedi di Palazzo Nodari in piazza Vittorio Emanuele II a Rovigo, mentre una secondo era stato affisso davanti alla sede del Comune di Porto Tolle, mercoledì 28 ottobre.

Alcuni consiglieri comunali e regionali che in tutta Italia stanno chiedendo al governo di intervenire per riportare a casa i 18 pescatori rapiti da oltre un mese in Libia. La marina militare del generale Haftar ormai più di un mese fa, ha sequestrato e portato a Bengasi due pescherecci di Mazara del Vallo, con 16 pescatori a bordo, mentre altre due imbarcazioni sono riuscite a fuggire, senza riuscire ad evitare però il sequestro del primo ufficiale e del comandante. E’ già passato un mese.

 

 

 

Articolo di Giovedì 29 Ottobre 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it