Condividi la notizia

CROCE VERDE ADRIA

Croce Verde Adria: nell'ultima assemblea modificato lo statuto per diventare ente del terzo settore

Lo comunica il presidente Antonio Sturaro dopo l'assemblea che si è svolta mercoledì scorso 28 ottobre in via telematica con la presenza del notaio Giannerico Cocito (Rovigo)

0
Succede a:
ADRIA (Rovigo) - Si è riunita mercoledì 28 ottobre in modalità telematica l’assemblea straordinaria e ordinaria della Croce Verde, alla presenza del notaio Giannenrico Cocito.

Il presidente avvocato Antonio Sturaro: “L’assemblea ha approvato le modifiche dello statuto che la riforma del terzo settore ha imposto: questo consente al principale strumento della vita associativa di essere più moderno e adeguato alle mutate esigenze. Poi è seguita l’assemblea ordinaria, con la relazione del presidente e l’approvazione dei bilanci consuntivo e preventivo".

“L’assemblea per un’associazione di volontariato rappresenta il momento più importante perché consente ai soci di incontrarsi, confrontarsi e decidere le linee di indirizzo dell’attività associativa. Quest’anno, poi, dopo il lavoro eccezionale svolto dai volontari nei mesi più difficili della pandemia sarebbe stata anche un’occasione conviviale e di socialità".

Continuando dicendo: "Le circostanze e le disposizioni normative ci impongono invece massima cautela: per questo l’assemblea si e’ svolta da remoto, per la prima volta dopo oltre 100 anni di vita associativa, per garantire la massima sicurezza. Anche da remoto, comunque, l’assemblea è stata partecipata e ha visto presenti, contando anche le deleghe, circa una cinquantina di soci”.

Concludendo: "Doveroso ringraziare di cuore i tanti, tanti, tanti volontari che a vario titolo si sono resi disponibili come lo sono tutt’ora per fronteggiare l’emergenza sanitaria ma anche sociale che ci ha colpiti quest’anno.
Adesso continua il nostro lavoro quotidiano a fianco di chi soffre e di chi ha più bisogno”.
Articolo di Venerdì 30 Ottobre 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it