Condividi la notizia

AMBIENTE

Le misurazioni dureranno 30 giorni, per il momento non ci sono criticità

Nel comune di Gaiba (Rovigo) l’Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale del Veneto sta monitorando siti sensibili e verificando la reale intensità del campo elettrico nel territorio comunale generato dalle torri per telecomunicazioni

0
Succede a:

GAIBA (Rovigo) - Questa settimana è cominciato il monitoraggio dei campi elettromagnetici da parte Arpav nel comune di Gaiba. L’Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale del Veneto, attivata dall’amministrazione comunale per tutelare la cittadinanza, ha disposto la sua strumentazione per monitorare siti sensibili e verificare la reale intensità del campo elettrico nel territorio comunale generato dalle torri per telecomunicazioni. Le misurazioni dureranno 30 giorni e saranno seguite dai tecnici specializzati di Arpav. Al termine delle ricerche verrà redatto un rapporto dettagliato di pubblico dominio.

"Ringrazio Arpav nelle figure del dirigente Ingegner Alessandro Lucchin e dei tecnici di Rovigo - commenta il sindaco Nicola Zanca - per la disponibilità dimostrata nell'avviare una campagna di misure nel nostro territorio comunale. Alcuni mesi fa a seguito dell'installazione di una nuova torre per telecomunicazioni nel territorio comunale di Gaiba, su terreno privato, abbiamo ricevuto molteplici segnalazioni dai cittadini. Perplessità e preoccupazioni sull'intensità dei campi elettromagnetici, soprattutto dalle famiglie nelle vicinanze dell'impianto. Abbiamo pertanto approfondito il tema con Arpav e convenuto in una campagna di misure per il monitoraggio, in loco, per fugare ogni dubbio e tutelare la cittadinanza. Ho voluto seguire personalmente i tecnici Arpav nella prima giornata di monitoraggio sul nostro territorio comunale e posso testimoniare che non è stata rilevata alcuna criticità, con valori volt su metro (V/m) ben al di sotto dei limiti di soglia. In particolare nelle vicinanze dell'impianto per telecomunicazioni, a circa 100-200 metri dalla torre, i valori erano anche al di sotto della rilevabilità strumentale per l'effetto ombrello. In ogni caso attendiamo il termine della campagna di monitoraggio, quando potremo dare ampia diffusione alla cittadinanza di un rapporto redatto da Arpav sullo stato dell'arte delle emissioni elettromagnetiche a radiofrequenza prodotte dagli impianti di telecomunicazioni presenti nel territorio comunale di Gaiba. "

Articolo di Sabato 31 Ottobre 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it