Condividi la notizia

SANITA' PUBBLICA PROVINCIA DI ROVIGO

Sicurezza, assunzioni e contratti le priorità per il personale sanitario reclamate dai sindacati [VIDEO]

Anche a Rovigo si alza la voce delle sigle della Funzione pubblica “Pubblico per il pubblico, lavoratori uniti per dare cure e servizi ai cittadini”. Questo lo slogan dell’iniziativa, promossa da Cgil Cisl Fp Uil Fpl di venerdì 13 novembre

0
Succede a:
ROVIGO - Anche in provincia di Rovigo le sezioni Funzione pubblica dei sindacati Cgil, Cisl e Uil hanno organizzato un presidio nella giornata di venerdì dalle 11.00 alle 13.00, davanti all’Ospedale di Rovigo, con la presenza simbolica di una quindicina di lavoratori della sanità, con il fine di lanciare l’importante messaggio del rispetto delle regole stringenti e necessarie per contrastare questa grave pandemia da Coronavirus in corso.


"Il personale sanitario, che sta affrontando in prima linea questa emergenza, rivendica il diritto a lavorare in sicurezza, il rinnovo dei contratti e nuove assunzioni.
Questa iniziativa, che segue lo stato di agitazione già proclamato nelle scorse settimane, oltre a rimarcare il massimo sostegno del mondo del a tutto il personale sanitario, si finalizza ad una grande iniziativa di sensibilizzazione al fine di garantire loro di lavorare in sicurezza, assicurandogli costantemente dispositivi di protezione individuale, tamponi e sorveglianza sanitaria.

Non è accettabile che proprio chi ci protegge debba lavorare in condizioni di scarsa sicurezza. Se non ci occupiamo di mettere in sicurezza il personale sanitario, mettiamo a rischio la loro salute e anche quella dei cittadini e il servizio di cura.
Indispensabile e urgente è procedere con nuove assunzioni per implementare il personale e rafforzare i servizi sanitari, anche attraverso la stabilizzazione dei precari. A tal proposito si segnala che, solo per l’Ulss 5 Polesana, hanno presentato domanda 297 infermiere a dimostrare che personale di questa categoria da assumere ci sono e anche per le altre figure del Comparto necessitano un maggiore investimento e assunzioni. Permane una situazione gravissima sul personale medico dove nella nostra Ulss mancano un centinaio di professionisti.

E’ importante infine che si rinnovino i contratti, per valorizzare la professionalità delle lavoratrici e dei lavoratori. Non solo una gratificazione nei confronti di chi con spirito di abnegazione sta affrontando la pandemia in condizioni critiche, ma anche prima di tutto un diritto.
Una mobilitazione collettiva di lavoratrici e lavoratori pubblici, contro chi nega l’esistenza del virus, dell’emergenza epidemiologica e del rischio che stanno correndo medici, infermieri e tutto il personale sanitario. Per dare il massimo sostegno a chi garantisce la nostra salute" concludono i rappresentanti sindacali in maniera unitaria.
Articolo di Venerdì 13 Novembre 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it