Condividi la notizia

MERCATO ADRIA

Lega Adria: "Nessun Dpcm od ordinanza regionale vietava il normale svolgimento del mercato"

Paolo Baruffaldi, Emanuela Beltrame e Michele Capanna sottolineano quella che a loro parere è stata l'incapacità di organizzarsi dell'amministrazione di Omar Barbierato (Rovigo)

0
Succede a:

ADRIA (Rovigo) - Lo svolgimento del mercato di Adria con solo le bancarelle alimentari (LEGGI ARTICOLO) ha sollevato il malumore non solo degli ambulanti che trattano altri tipi di merce, ma anche di una parte della politica adriese, nello specifico il gruppo Lega, con Paolo Baruffaldi, Emanuela Beltrame e il neo coordinatore del gruppo, Michele Capanna (già consigliere comunale a Porto Viro), che chiariscono la propria posizione.

"Lo svolgimento parziale del mercato di questa mattina, effettuato solo con i venditori di generi alimentari, dimostra ancora una volta (se pur non ci fosse bisogno purtroppo) la conclamata incapacità organizzativa dell'amministrazione Barbierato".


"Non esiste Dpcm statale od ordinanza regionale che impedisse la presenza di tutte le bancarelle, fatto salvo che fossero stati predisposti ingressi ed uscite controllati; un pò come avvenuto nei mesi di lock down della primavera scorsa".

"Ciò non è avvenuto unicamente per il fatto che il sindaco Omar Barbierato e il consigliere con delega alla protezione civile Enrico Bonato si sono trovati impreparati ad organizzare il tutto, preferendo vietare semplicemente la presenza degli altri venditori, piuttosto che adoperarsi affinchè il tutto si potesse svolgere in maniera sicura e regolare, come del resto avvenuto in altri comuni del Veneto".

Proseguendo: "L'assenza della maggior parte delle bancarelle, oltre che un disagio per i cittadini, si tramuta in una grave perdita economica per le famiglie che con questo lavoro vivono quotidianamente. Perdita che oggi più che mai, in piena crisi economica, non può essere accettata se causa di sola incapacità amministrativa ed organizzativa di chi è preposto a prendere decisioni".

Concludendo: "Auspichiamo che le prossime giornate di mercato si possano svolgere regolarmente, in sicurezza per i cittadini frequentatori, ma nell'ottica di dare ugualmente la possibilità ai venditori di poter lavorare e sostenere le proprie attività economiche".

Articolo di Sabato 14 Novembre 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Per approfondire

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it