Condividi la notizia

VIOLENZA CONTRO LE DONNE

Un luogo dove accogliere le persone maltrattate

Un luogo sicuro dove essere ascoltate. Nella giornata internazionale contro la violenza sulle donne, nel comune di Occhiobello (Rovigo) è stata inaugurata la stanza realizzata nella stazione dei Carabinieri di Santa Maria Maddalena

0
Succede a:

OCCHIOBELLO (Rovigo) - “Dobbiamo rieducare o meglio ancora prevenire quelli che potrebbero diventare comportamenti violenti”. L’assessore alle Politiche sociali Lorenza Alberghini interviene rispetto all’inaugurazione di Safe space, la stanza realizzata nella stazione dei Carabinieri di Santa Maria Maddalena, che potrà accogliere persone che hanno subito violenze domestiche e maltrattamenti. “L’auspicio è che questo spazio possa fare emergere situazioni sommerse che faticano a essere denunciate – continua l’assessore Alberghini -, i dati di questi giorni ci parlano di altre donne uccise e di un aumento delle chiamate ai centri antiviolenza in primavera, durante le settimane del confinamento”.

“Le donne – precisa Alberghini – devono sapere che, in Safe space, troveranno un luogo accogliente e professionisti in grado di accompagnarle nei percorsi che decideranno di intraprendere”.

Il sindaco Sondra Coizzi sottolinea l’importanza della collaborazione fra istituzioni per un medesimo obiettivo: “Siamo orgogliosi di avere inaugurato non solo uno spazio di accoglienza, ma uno strumento che potrà essere utile nel corso delle indagini, in quanto dotato di sofisticata strumentazione tecnica, ci sono poche realtà come quella inaugurata il 25 novembre e tra l’altro solo in alcune grandi città”.

Questo è il risultato di un lavoro svolto insieme all’Arma dei Carabinieri e all’associazione nazionale Carabinieri, a cui si sono aggiunti imprenditori del territorio che ringraziamo per quanto hanno fatto”.

All’inaugurazione, che si è tenuta nella giornata internazionale contro la violenza sulle donne, erano presenti il prefetto Maddalena De Luca, il procuratore capo Carmelo Ruberto, il questore Raffaele Cavallo, il colonnello provinciale dei Carabinieri Antonio Rizzi, il capitano del comando compagnia di Castelmassa Paolo Li Vecchi, il maresciallo di stazione Marco Cestaro, Antonio Zizzo dell’associazione nazionale Carabinieri assieme al luogotenente Mauro Armaroli ed altri soci dell’associazione, il comandante della Polizia locale Monica Montanari, il presidente della Provincia Ivan Dall’Ara, la presidente della commissione Pari opportunità della Provincia Antonella Bertoli, Monica Viaro, consigliera comunale con delega alle Pari opportunità, le aziende che hanno contribuito: Paolo Ghiotti (edilizia Ghiotti), Paolo Borghi (Tecnoelettra), Franco Pellegrini e Vittorio Morello (Casa di cura).

Articolo di Giovedì 26 Novembre 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it