Condividi la notizia

SALUTE E SICUREZZA

Medicina del lavoro: ecco come tutelare i dipendenti della tua azienda

il medico del lavoro è una figura professionale obbligatoria per un’azienda in quanto, tra le diverse mansioni ad esso associate, deve anche valutare i rischi connessi alle attività svolte, garantendo la sicurezza a tutti i dipendenti

0
Succede a:

Il medico del lavoro viene denominato anche medico competente e ha il duplice compito di contribuire a garantire la salute e la sicurezza dei dipendenti, oltre che mettere al riparo da qualsiasi tipo di sanzione il datore di lavoro supportandolo nell'adeguamento a norma di legge - nello specifico, il Decreto legislativo numero 81 del 2008.

In generale, il medico del lavoro è una figura professionale obbligatoria per un’azienda in quanto, tra le diverse mansioni ad esso associate, deve anche valutare i rischi connessi alle attività svolte, garantendo la sicurezza a tutti i dipendenti.
Ovviamente, in un ambito così delicato come quello della sicurezza in ambito lavorativo, risulta determinante affidarsi soltanto a professionisti altamente qualificati, in grado di mettere a disposizione delle imprese esperienza, competenza e massima serietà.
Per esempio, in molte aree del Veneto un punto di riferimento del territorio è senza dubbio il Dottor Umberto Schiavo, specializzato in Igiene e Medicina Preventiva, che offre i servizi della medicina del lavoro a tutte le aziende pubbliche e private che ne abbiano necessità.

 

La valutazione dei fattori di rischio

All’interno di un’azienda, il medico del lavoro avrà il compito, in fase di sopralluogo, di individuare tutti gli eventuali fattori di rischio e provvedere a comunicare, valutare e verificare le misure di sicurezza conseguenti da attuare.
Che si tratti di suggerire l'uso di dispositivi di auto-protezione per la presenza di carichi pesanti o di implementare l'uso di sedie ergonomiche per i dipendenti che si trovino al videoterminale, il professionista avrà cura anche di stilare il Documento di Valutazione del rischio, nonché il Protocollo Sanitario corretto da seguire perché i lavoratori possano svolgere le loro mansioni in sicurezza.
Dalla valutazione del rischio di sviluppare dipendenze alla messa in posa di puntuali indicazioni delle uscite di sicurezza in caso di incendio, il medico del lavoro avrà inoltre l'onere di individuare ogni accortezza necessaria a tutelare la salute di tutti.

 

La formazione per dirigenti e dipendenti

Il medico competente dovrà anche effettuare una formazione di alcune ore nella quale metterà al corrente dipendenti e dirigenti di tutte le misure necessarie, comprensive di aggiornamenti puntuali, perché le principali regole siano sempre correttamente seguite e recepite dall'intero team.
Svariate categorie di azienda, inoltre, hanno anche l'obbligo di seguire dei corsi di primo soccorso atti a intervenire tempestivamente in caso di evento infausto o incidente: verranno quindi esposti dal medico del lavoro le manovre salvavita, la necessità di possedere presidi medici dedicati oltre a nozioni di base riguardanti la fisiologia del corpo umano, gli apparati respiratorio, circolatorio e scheletrico.

 

La sorveglianza sanitaria personalizzata

Ogni dipendente sarà visitato dal medico del lavoro per avere una valutazione più personale delle condizioni di salute: in particolar modo, si indicherà al datore di lavoro l'idoneità dei singoli soggetti. Si può così avere un'idoneità completa, parziale o che necessità di prescrizioni particolari. In caso di soggetto non idoneo per svariate motivazioni, il datore di lavoro dovrà provvedere di conseguenza a mettersi in regola, sostituendolo o cambiando le mansioni con altre più adatte alle sue condizioni.
Tale sorveglianza sanitaria dovrà essere regolare, al fine da rimanere sempre aggiornata ed eventualmente coadiuvata da test diagnostici o controlli più specifici. Esistono, tuttavia, dei casi nei quali il medico competente non può intervenire in maniera diretta, ad esempio, per verificare lo stato di gravidanza di una dipendente. Allo stesso modo, non ha la possibilità di prescrivere test diagnostici particolarmente invasivi come le radiografie.
La ricerca del medico del lavoro, perciò, va effettuata per avere la certezza di adempiere agli obblighi di legge ma rappresenta anche un rapporto di fiducia che rimane continuativo nel tempo.
Il professionista, quindi, dovrà a sua volta avere una formazione adeguata per supportare i dirigenti in ogni singolo aspetto di cui accennato, nonché possedere competenze specifiche al fine di intervenire in una conceria così come in un ufficio amministrativo.
 

 
Articolo di Lunedì 16 Novembre 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it