Condividi la notizia

CORONAVIRUS

Covid-19: Due decessi, ma cala il numero dei positivi in provincia di Rovigo

62 i nuovi positivi, ma ci sono ben 114 guarigioni. Cala ancora l’incidenza sul numero di test effettuati, 118 i ricoverati tra Rovigo e Trecenta, i decessi salgono ad 80 da inizio epidemia

0
Succede a:

ROVIGO - 62 nuove positività di residenti in Polesine nelle ultime 24 ore, 12 su 62 sono emerse dai test antigenici, mentre 20 persone erano già in isolamento domiciliare.

Sono in totale 3.847 i residenti in Polesine con positività al Covid-19 riscontrati da inizio epidemia, I tamponi eseguiti da inizio epidemia, in Polesine, sono 137.063, i tamponi rapidi sono 57.133.

114 nuove guarigioni fanno salire a 1.479 il totale dei guariti in Polesine da inizio epidemia. Sono 2.277 le persone attualmente positive in provincia.

Ad oggi sono 2.650 le persone poste in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva.

La prevalenza in Polesine (totale delle persone risultate positive da inizio epidemia sul totale della popolazione) è pari all’ 1,64%. L’incidenza degli ultimi 7 giorni (nuovi casi riscontrati sul totale delle persone testate nel periodo) è pari al 4,65%.

Due persone sono morte nelle ultime 24 ore portando ad 80 i deceduti con il Covid-19 residenti in Polesine da inizio epidemia.

E’ deceduta una donna di 80 anni, residente in Basso Polesine. Al riscontro della positività era stata ricoverata in Terapia Intensiva Covid a Trecenta dove, nel pomeriggio di ieri, è deceduta.
Un uomo di 74 anni, residente fuori provincia, era stato trasferito in Terapia Intensiva Covid dalla Terapia Intensiva di Legnago. Nel pomeriggio di ieri è deceduto.
“Alle famiglie vanno le mie condoglianze e quelle dell’Azienda” commenta il Direttore Generale dell’Ulss 5 Polesana, Antonio Compostella.

Positivo un 70enne, residente a Rovigo, si è rivolto al Pronto Soccorso ed è stato ricoverato in Terapia Intensiva Covid a Trecenta. È in corso l’indagine epidemiologica per la ricostruzione dei contatti. Anche una donna di 88 anni, residente in Basso Polesine, si è rivolta al Pronto Soccorso ed è stata ricoverata in Area Medica Covid a Trecenta. È in corso l’indagine epidemiologica per la ricostruzione dei contatti.

Tra i nuovi positivi 1 operatore della Residenza per Anziani “Villa Agopian” di Corbola, 1 operatore della Casa Albergo per Anziani di Lendinara, ed uno studente di una scuola primaria del Basso Polesine. I compagni, i docenti e il personale ATA che hanno avuto contatti oggi sono stati sottoposti a tampone.

Attualmente risultano 118 pazienti ricoverati: 96 pazienti in Area Medica Covid a Trecenta (2 pazienti trasferiti dalla Terapia Intensiva Covid, 4 nuovi pazienti già risultati positivi nei giorni scorsi ricoverati per peggioramento delle condizioni, 4 pazienti dimessi), 13 in Terapia Intensiva Covid a Trecenta (1 paziente trasferito dall’Area Medica Covid), 9 in Malattie Infettive a Rovigo (2 nuovi pazienti già risultati positivi nei giorni scorsi ricoverati per peggioramento delle condizioni, 1 paziente dimesso)

Nelle strutture residenziali extra ospedaliere risultano positivi: 1 operatore del Csa di Adria, 3 ospiti e 2 operatori della Residenza per Anziani “Villa Agopian” di Corbola, 1 operatore del Casa di Riposo “San Gaetano” di Crespino, 2 operatori della Casa di Riposo “San Salvatore” di Ficarolo, 45 ospiti e 3 operatori della Casa di Riposo “La Residence” di Ficarolo, 34 ospiti e 13 operatori della Casa Albergo per Anziani di Lendinara, 1 operatori del Centro Servizi Anziani Villa Tamerici di Porto Viro, 1 operatore della Casa di Riposo “Iras” di Rovigo, 1 ospite e 1 operatore della Casa di Riposo “Citta di Rovigo” di Rovigo, 2 operatori della Casa di Riposo “Madonna del Vaiolo” di Taglio di Po, 3 operatori della Casa di Riposo “S. Antonio” di Trecenta, 1 operatore della Casa di Riposo “Sant’Anna” di Villadose, 21 ospiti e 11 operatori della Casa di Riposo “Sacra Famiglia” di Fratta Polesine, 27 ospiti e 13 operatori della Casa di Riposo “La Rosa dei Venti” di Rosolina

Nelle restanti strutture non si segnalano positività né tra gli ospiti né tra gli operatori.

Articolo di Sabato 28 Novembre 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it