Condividi la notizia

LA POLEMICA

Liquidatore Consvipo: la replica del Pd al Sindaco

Dopo l’attacco al Pd di Badia Polesine (Rovigo) del primo cittadino, arriva la replica sulla questione della nomina di Andrea Patergnani fra i liquidatori di  Consvipo

0
Succede a:

BADIA POLESINE (Rovigo) – “Prendiamo atto che i cittadini di Badia non riceveranno mai delle risposte ai loro problemi da questa Amministrazione perché il Sindaco è impegnato in complicati giochi di geopolitica”. Con questa premessa inizia la prevista replica del Partito democratico di Badia Polesine alle punzecchiature di Giovanni Rossi, sulla nomina di Andrea Patergnani fra i liquidatori di  Consvipo (LEGGI ARTICOLO). 

“Se invece è infastidito da un Consigliere comunale che racconta come stanno le cose in questa città (fossati e strade), si risparmi il fiato e l’inutile sarcasmo. Dicesse piuttosto il Sindaco -prosegue il comunicato - che nella vicenda della nomina dei liquidatori di Consvipo, pesano le segreterie provinciali e il voto in assemblea dei Sindaci, non certo una piccola sezione di periferia”.

Poi l’affondo del Pd che pone in dubbio il presunto peso politico della compagine di Giovanni Rossi, visto che non è stata nemmeno in grado di opporsi alla nomina di un liquidatore “non gradito”.  Dal “Circolo Matteotti” fanno notare che nonostante la presenza della Lega fra i banchi della Provincia, con tanto di Consigliere badiese, non sia stata scongiurata questa soluzione:  “Eppure il Presidente della Provincia (principale socio di Consvipo) non risulta essere iscritto al Pd”.

Invece di preoccuparsi del ruolo del PD, come mai il Sindaco non ha fatto sentire la sua voce, in qualità di socio, in seno al Consvipo? Troppo facile scaricare su altri, i propri fallimenti.

“Il Sindaco Rossi ha sbagliato clamorosamente il bersaglio”, prosegue la nota, oppure cerca di stornare l’attenzione per evitare i problemi irrisolti della città.

Quindi la conclusione: “Il Sindaco non perda tempo con la geopolitica ma si preoccupi dello spopolamento del proprio Comune, della mancanza di servizi, del problema degli allagamenti, delle rette della Casa di riposo, dell’incuria presente in diversi angoli di Badia, della sicurezza che la Lega non riesce a garantire, di un cavalcavia che non viene aggiustato in tempi ragionevoli, delle opere faraoniche che continua a promettere e che non realizzerà mai, di un Punto Sanità abbandonato a sé stesso”.

Ugo Mariano Brasioli

 

 

Articolo di Domenica 29 Novembre 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it