Condividi la notizia

STAGIONE LIRICA

Claudia Pavone è la diva dell'opera live del Teatro Sociale

Si conclude positivamente la rassegna di concerti in streaming. Il soprano veneto si afferma primadonna assoluta, bene le performance di Simone Piazzola e Giacomo Prestia

0
Succede a:
ROVIGO - Il recital di Claudia Pavone, che si è confermata straordinaria cantante lirica, ha chiuso l'ultimo week end di musica d'opera lirica proposto dal Teatro Sociale di Rovigo, diretto artisticamente da Luigi Puxeddu. La stagione lirica, a causa dei Dpcm di contenimento del contagio da Coronavirus, ha debuttato con quattro appuntamenti live in diretta streaming dal canale YouTube del Sociale che sono stati molto apprezzati dal pubblico a casa.


Ad accompagnare al pianoforte il soprano c'era Francesco Rosa nel programma tutto belliniano, dal titolo "Melodia e anima - Bellini e le sue donne". Una voce dal bel colore ambrato, perfettamente impostata, senza mai alcuna sbavatura, che nell'arco dell'ora di concerto ha propinato recitativi, arie e cabalette di Vincenzo Bellini tratte da La Sonnambula, I Puritani, Il Pirata, La Norma, e chi conosce Bellini sa che non è una passaggiata cantarlo, anzi, non tutti i cantanti lirici cantano Bellini e il motivo c'è. La musica di Bellini chiede belle voci, facilità nelle agilità, grande espressione, tenuta tecnica che rasenta la perfezione. E Claudia Pavone ha risposto perfettamente a questi requisiti.
Del maestro Rosa si sa essere un grande accompagnatore, un'orchestra in miniatura, quando questa non c'è, con un cuore grande a disposizione del cantante.

Il sabato prima è andato in scena il concerto "Suona ogni labbro il mio nome - Gli uomini di Verdi"
con la grande professionalità del baritono Simone Piazzola e del basso Giacomo Prestia.
Belle voci, intense, in un programma che poteva sviscerare meglio l'anima di Verdi, mancando arie proponibili dal Nabucco, La forza del destino e Attila, mentre si è indugiato su Ernani.

Ha presentato con seria professionalità i concerti Andrea Zanforlin, il concerto della domenica è stato impreziosito dalla Sonata 104 per pianoforte di Franz List eseguita da Andrea Mariani.

Grande soddisfazione da parte dell'assessore alla Cultura Roberto Tovo e del direttore artistico Puxeddu, per il successo di questo progetto che, in questo periodo di emergenza con tutte le limitazioni ben note,  ha voluto portare la cultura e la bella musica nelle case di tutti.
Il Comune di Rovigo esprime il proprio ringraziamento a chi ha sostenuto e collaborato per la buona riuscita dell'evento, a partire dallo staff degli uffici, a tutti i tecnici di palcoscenico e ai partner: Fondazione Rovigo Cultura, Fondazione Cariparo, Fondazione Banca del Monte di Rovigo e Asm set.


Irene Lissandrin
Articolo di Lunedì 30 Novembre 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Spettacoli e Cultura

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it