Condividi la notizia

CASA DI RIPOSO PORTO VIRO

Cgil, Cisl e Uil: "Comportamento assolutamente fuori luogo da parte di CoopSelios"

Le tre sigle sindacali rimproverano alla cooperativa di non essersi presentata ad un incontro chiave per condividere un percorso comune in questo momento di difficoltà (Rovigo)

0
Succede a:
PORTO VIRO (Rovigo) - "In una situazione di estrema difficoltà non possiamo permetterci di liquidare con una risata quella che sembra una battuta da parte di CoospSelios, che ha annullato l'incontro che era stato concordato con un vertice in prefettura e che doveva tenersi venerdì scorso 27 novembre accampando come scusa il fatto che fossero state esposte le bandiere dei sindacati davanti a Villa Tamerici". Non ci stanno i sindacati Cgil, Cisl e Uil, vista la situazione che si sta vivendo nella struttura per anziani di Porto Viro. 

"Non è il momento per parlare di galateo istituzionale e sindacale, ma in altri tempi sarebbe bastato questo per dare la misura di quale sia l'atteggiamento irresponsabile, fuori luogo e controproducente mostrato da una cooperativa che ha la responsabilità di gestire una struttura assistenziale e che si mostra sorda di fronte al grido di dolore che arriva dai suoi lavoratori, che quotidianamente fronteggiano crescenti difficoltà ed hanno, loro sì il delicato compito di assistere gliospiti". 

"Riteniamo assolutamente fuori luogo e controproducente questo comportamento da parte di CoopSelios, invece di cogliere l'occasione per condividere un percorso comune allo scopo di normalizzare le condizioni di lavoro all'interno della struttura, ha invece deciso di rinviare unilateralmente con una scusa puerile ed al limite dell'antisindacale, l'incontro che era stato programmato in occasione del tentativo di concertazione assieme al Prefetto".

"È davvero paradossale che il motivo accampato per questa decisione da parte di CoopSelios siano gli striscioni e bandiere esposti come simbolo dello stato di agitazione, mentre appare evidente di come disturbino i contenuti attraverso i quali la stampa locale registra la cruda realtà vissuta dai lavoratori all'interno di Villa Tamerici". 

Sottolineando poi: "Se qualcuno crede di far saltare il banco ed il percorso condiviso con il Prefetto, ha fatto male i propri conti. Del resto in altri territori nel Veneto, al di fuori de Polesine, pare che i problemi di gestione Coop Selios siano sempre gli stessi di Porto Viro: carenza di personale in organico e turni di lavoro pesanti, in deroga alla normativa europea in tema di orari di lavoro".

Concludendo: "È ovvio che siamo consapevoli del particolare momento che stiamo vivendo, ma rivendichiamo la competenza e l'impegno dei lavoratori CoopSelios, che nonostante tutte le difficoltà garantiscono con abnegazione la continuità dei servizi, attraverso la propria alta professionalità e la riconosciuta qualità dei servizi, nonostante il grave periodo di pandemia che impone procedure molto più impegnative per chi opera all'interno della struttura".

"Invitiamo, quindi, ancora una volta CoopSelios al confronto con l'unico obiettivo di garantire turni e qualità del lavoro, adeguando il numero degli operatori e degli infermieri".




 
Articolo di Lunedì 30 Novembre 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it