Condividi la notizia

TRAGEDIA

41enne morto a Bosaro, verrà effettuato il tampone

Si è accasciato davanti all’ingresso della locanda di Bosaro (Rovigo) dove alloggiava, e non si è più ripreso. Prima dell’autopsia è stato disposto il tampone per accertare se Andrea Trevisol avesse contratto il Covid-19

0
Succede a:

BOSARO (Rovigo) - Verrà effettuato il tampone post mortem per accertare se fosse affetto da Covid-19, e in seguito, probabilmente l’autopsia, per chiarire le cause della morte di Andrea Trevisol, il 41enne che aveva trovato lavoro ad Amazon in Polesine.

La tragedia si è consumata alle 8 e 30 del 1 dicembre a Bosaro, l’uomo era di Meolo (Venezia), alloggiava nella locanda del Sorriso di via Nazionale, un punto d’appoggio vicino alla sede del colosso dell’e-commerce, che tra Castelguglielmo e San Bellino ha costruito un polo logistico di ultima generazione.

Probabilmente è stato colto da un malore, è deceduto per cause naturali, sul corpo non c’è alcun segno di violenza, ma pare che il 41enne non stesse bene da giorni. Un malessere che va approfondito, per capire le ragioni di una morte così prematura.

Immediato l’intervento dei Carabinieri della stazione di Polesella e del personale del Suem 118, ma Andrea Trevisol è stato trovato già cadavere davanti all’ingresso della locanda.

Articolo di Venerdì 4 Dicembre 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it