Condividi la notizia

L’INDAGINE

Bomba al supermercato, convalidato l’arresto del polesano

Il Giudice per le indagini preliminari ha disposto l’obbligo di dimora per il 72 enne di Occhiobello (Rovigo), arrestato martedì 1 dicembre per presunte complicità nell’esplosione di un ordigno al "Pam" di via Zorzetto a Treviso

0
Succede a:

OCCHIOBELLO (Rovigo) - Arresto convalidato, il Gip del Tribunale di Rovigo ha disposto la misura cautelare dell’obbligo di dimora per il 72enne di Occhiobello. G. Z., con precedenti di polizia, sospettato di aver creato l’ordigno fatto esplodere il 6 novembre al supermercato "Pam" di via Zorzetto a Treviso.

Il polesano è indagato è detenzione di arma comune da sparo clandestina e munizionamento, illegale fabbricazione e detenzione di ordigni esplosivi e ricettazione. Perquisendo l’abitazione dell’anziano gli investigatori hanno trovato un revolver calibro 6 senza matricola, otto cartucce e dieci ordigni composti da tubi cilindrici con all’interno polvere pirica, chiusi con nastro adesivo e stoppino.

I carabinieri del nucleo investigativo e della Compagnia di Treviso e gli investigatori della squadra mobile e della Digos della Questura, dopo qualche giorno avevano individuato il presunto responsabile. Enrico Sorarù, 56enne senza tetto, secondo gli investigatori, si era vendicato contro il direttore del supermercato che lo aveva denunciato per alcuni taccheggi. Dalle successive indagini è spuntato un secondo uomo, il 72enne polesano. Martedì 1 dicembre l’arresto.

Articolo di Sabato 5 Dicembre 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it