Condividi la notizia

CALCIO ECCELLNZA

Lo Scardovari calcio guarda ad un futuro che non sembra roseo

I pescatori sono fermi da fine ottobre, in quanto non hanno proseguito i propri allenamenti ed attendono una decisione della Figc per capire quando ripartire con il campionato

0
Succede a:
SCARDOVARI (Rovigo) - Sicuramente era già nell'aria questo stop forzato dei campionati dilettantistici, visto che da quest'estate si parlava dell'arrivo della seconda ondata, eppure pochi sembrano stati i provvedimenti presi in anticipo per avitare quello che sicuramente sarà una lunga pausa. Lo Scardovari in questo momento si trova  undicesimo in classifica con otto punti, ma da fine ottobre ha interrotto anche gli allenamenti, in attesa di altre disposizioni. 

"Secondo il mio punto di vista sarà molto difficile ripartire a inizio febbraio, ma tutto può essere - spiega il direttore generale Mauro Pezzolato - in quanto la situazione Covid-19 è in continua evoluzione e credo che in questo momento l'unico pensiero vada alla salute e al benessere delle persone, non di certo al calcio". 

"Dispiace sicuramente aver interrotto un campionato, che penso non si dovesse nemmeno iniziare vista la seconda ondata in procinto d'arrivare". "Avrei preferito congelare lo scorso campionato e ripartire con il girone di ritorno a febbraio 2021, in modo tale da concludere bene il campionato e programmare al meglio la stagione successiva". 

Concludendo: "Ho poche speranze per il futuro; nel frattempo i ragazzi comunque hanno smesso di allenarsi e sono a casa; chiaro che il lavoro e ribadisco, la salute, vengono prima del calcio e rischiare d'ammalarsi per poi non andare a lavorare non va assolutamente bene". 
Articolo di Sabato 5 Dicembre 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Sport

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it