Condividi la notizia

CORONAVIRUS

Il primo lotto di vaccini anti Covid-19 è arrivato all’Ospedale di Rovigo

Scortato dai Carabinieri è arrivato a Rovigo il primo carico di vaccini Pfizer contro il Covid-19, è la più grande campagna vaccinale della storia dell’uomo, e dopo la data simbolica del 27 dicembre, la somministrazione può partire

0
Succede a:

ROVIGO - Sono arrivati in nove scali d'Italia gli aerei della Dhl che trasportano complessivamente le 470mila dosi del vaccino Pfizer, poco prima delle 11 di mercoledì 30 dicembre, il primo lotto di 2925 dosi per il personale dell’Ulss 5 Polesana, medici di strutture private, ed operatori e pazienti di Rsa, hanno varcato la soglia dell’Ospedale di Rovigo con la scorta dei Carabinieri.

Gli aerei sono atterrati negli aeroporti di Milano Malpensa, Bergamo Orio al Serio, Ancona Falconara, Bologna, Roma Ciampino, Napoli, Pisa e Venezia e a Bari. Dagli scali sono partiti i vari furgoni e sono in consegna nei 203 siti di somministrazione nelle varie regioni. Doveva arrivare via “terra”, ma le condizioni climatiche e l’abbondante nevicata degli ultimi due giorni, ha pregiudicato il trasporto su gomma.

E’ la più grande campagna di vaccinazione della storia dell’uomo, il Covid-19 ha devastato economie, famiglie, e provocato oltre 73 mila morti in Italia, numeri ben diversi nel resto del Mondo.

I vaccini anti Covid-19 verranno conservati nei frighi della Farmacia dell’Ospedale di Rovigo, come ha spiegato il dg Antonio Compostella (LEGGI ARTICOLO), non verranno usati tutti e subito. Verrà somministrata la metà delle dosi disponibili, l’altra metà verrà conservata per la seconda iniezione, che deve essere effettuata 21 giorni dopo, per essere efficace. L’immunità si ottiene dopo circa 7 giorni dalla seconda somministrazione.

Il 24% del lotto è dedicato ai sanitari dell’Ulss 5 Polesana, 6% alle strutture private accreditate, 24% agli operatori del territorio, medici, Usca e pediatri, 46% alle Rsa, secondo la logica della stratificazione del rischio.

Sono circa 3 mila dosi a settimana quelle a disposizione del sistema sanitario polesano (LEGGI ARTICOLO) secondo un cronoprogramma bene definito.

il personale di ospedali e territorio che sarà vaccinato il 31 dicembre e il 2 gennaio è pari a 840 persone.
Le case di riposo che saranno sede di vaccinazione (ospiti e operatori) sono: Trecenta, Fiesso Umbertiano, Porto Viro il 2 gennaio; Città di Rovigo il 3 gennaio; Stienta, Canaro il 4 gennaio (per un totale di 780 persone).

Articolo di Mercoledì 30 Dicembre 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it