Condividi la notizia

CORONAVIRUS

Un grazie ai genitori

I Dirigenti degli Istituti Comprensivi della provincia di Rovigo hanno dovuto saper affrontare ed interpretare al meglio i diversi protocolli per la segnalazione di casi positività Covid, la docente Renata Ferrarese ringrazia i genitori degli alunni

0
Succede a:

ROVIGO - In questa fase pandemica, in cui la Scuola ha dovuto riformulare la propria proposta didattica, anche come occasione di aggiornamento e messa in regola per alcuni docenti poco amanti o esperti della tecnologia, credo sia doveroso come insegnante ringraziare i genitori per la grande collaborazione che stanno manifestando nella scuola primaria.

Durante il passato lockdown, la presenza dei genitori per le attività proposte in didattica a distanza, è stata fondamentale specialmente per le prime classi della scuola primaria: gli stessi hanno dovuto organizzare al meglio il loro tempo, la loro attività lavorativa per permettere di completare quella mancanza di “presenza educativa”, chiave di ogni apprendimento. Non sempre per chi lavora nel privato o con collaborazioni a termine ciò è stato facile e molte volte insegnanti e dirigenti hanno raccolto tali problematiche con una forte richiesta di aiuto.

In ogni caso ogni genitore si è impegnato, ha cercato di motivare al meglio il proprio figlio, ha cercato di fare rispettare la tempistica delle consegne, ha rafforzato il dialogo con le docenti e creato delle efficaci reti comunicative con altre famiglie, permettendo alla nuova didattica di “fare scuola”.

Come tutti sono a conoscenza, in Veneto la chiusura totale delle scuole primarie da settembre non è mai avvenuta e non è prevista nemmeno con l’ultima Ordinanza emanata dal Governatore della nostra Regione, Zaia.

I Dirigenti degli Istituti Comprensivi hanno dovuto saper affrontare ed interpretare al meglio i diversi protocolli per la segnalazione di casi positività Covid,  i protocolli per il rientro in classe come pure la documentazione necessaria.

L’approvazione in ogni Istituto Scolastico di un Regolamento da parte del Consiglio di Istituto recante le misure di prevenzione e contenimento della diffusione del SARS-CoV-2 pubblicato in ogni specifico sito web, ha dettato indicazioni precise nei comportamenti, nelle modalità di ingresso e di uscita nella scuola come quelle in aree di utilizzo comune.

In particolare il personale scolastico ha dovuto “imparare a gestire” le persone sintomatiche, con l’individuazione di un apposito locale per l’emergenza e con la nomina di un responsabile Covid per ogni sede scolastica.

Come “responsabile Covid” della scuola in cui insegno, ringrazio, a nome di molti colleghi e come fatto già in molte altre occasioni formali, i genitori per il grande senso civico di responsabilità nella segnalazione non facile e a volte anche imbarazzante di situazioni personali di positività al virus come pure per la firma della complessa documentazione dei “Patti di Corresponsabilità”; ringrazio per la pazienza che spesso i genitori accettano con i docenti che si devono attenere a delle precise procedure Covid; ringrazio per il rispetto, cura e discrezione nella diffusione di notizie interne ad ogni realtà scolastica; ringrazio per capacità delle famiglie di essersi attivate in rete  per permettere anche agli alunni e ai genitori con difficoltà sociali o ai genitori di alunni stranieri di poter intervenire in questa situazione scolastica eccezionale.

Forse questo virus ha messo in luce come una Buona Scuola sia formata da più componenti e possa procedere in momenti di crisi, solo se diventa come descritto nei migliori testi di pedagogia, una “comunità educante” in cui l’apporto di tutti rende il Sapere “Vincente”.

Un Grazie sincero quindi, da parte di una docente, ad ogni mamma e papà.

Buona Scuola a tutti!

Dott.ssa Renata Ferrarese

Articolo di Martedì 5 Gennaio 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it