Condividi la notizia

L'INIZIATIVA

Speciali cuffiette decorate ai medici e personale della pediatria

Il dono delle alunne del Corso Serale di Design della Moda del Liceo Artistico Bruno Munari di Castelmassa all’Ospedale di Rovigo

0
Succede a:

ROVIGO - Le alunne del Corso Serale di Design della Moda del Liceo Artistico Bruno Munari di Castelmassa, supportate dalla loro docente Paola Giovanninetti hanno donato speciali cuffiette decorate ai medici e personale della pediatria. Venerdì 8 gennaio le cuffiette sono state consegnate nella hall dell’ospedale Santa Maria Della Misericordia, a Simone Rugolotto Primario di Pediatria e al direttore del Presidio Medico Ospedaliero dottoressa Carla Destro.

“Il progetto AA: Aiutare aiutandosi - dice una nota dell’istituto - ha permesso di ritrovare quella sinergia del lavorare in gruppo per il raggiungimento di un obiettivo comune, di creare, finalizzando le nostre opere al bene altrui, aiutando anche noi stessi a ritrovare il baricentro emotivo in una condizione di disorientamento. I copricapo contengono immagini dei personaggi più amati dai bambini e frasi motivazionali per i pazienti un po' più grandi: “tu 6 forte”, “Mi fai un sorriso?, “Fidati di me”!. Perché fidarsi del personale medico è indispensabile, soprattutto quando in una condizione di isolamento emotivo, diventa la persona a te più vicina e l’unica in grado di salvarti.”

Dal Marzo 2020, gli articoli sugli ospedali e sulle scuole hanno riempito le prime pagine dei quotidiani. Sanità e didattica due problemi vastissimi da gestire: dall’ampliamento dei reparti di terapia intensiva ai banchi con le rotelle, dagli ospedali blindati con pazienti isolati come “prigionieri”, ai bimbi ed ai ragazzi “piazzati” davanti ad un pc “spacciato” per scuola. Due grandi realtà dove la socialità negata ha provocato effetti collaterali che hanno messo in discussione l’individuo nella sua individualità e negli aspetti più profondi dell’essere. Ed è proprio da questa panoramica così drammaticamente emozionale, che nasce la necessità di sentirsi nuovamente parte di un gruppo, soprattutto all’interno del contesto scolastico nel quale il “gruppo classe” è parte fondamentale di un processo di apprendimento, socializzazione, condivisione e crescita.  Da questo isolamento forzato nel quale il pensiero verso gli altri diventa la migliore compagnia: Eliana Zainaghi, Jenni Franzon, Giada Marcomini, Francesca Vasquez e Chaimaa Ait Thaleb.

 

 

Articolo di Sabato 9 Gennaio 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it