Condividi la notizia

CORONAVIRUS A SCUOLA

Pasello: La scuola superiore ai tempi del Covid-19

AlliIstituto superiore E. De Amicis di Rovigo l’idea è quella di cercare di confermare tutte le progettualità possibili, anche se a distanza, e di portare il più possibile a scuola gli alunni con attività laboratoriali e con disabilità

0
Succede a:
ROVIGO - Come cercare di vivere la scuola, ai tempi del Covid-19, con quasi normalità? All’Istituto di Istruzione Superiore “E. De Amicis” di Rovigo l’idea è quella, semplicemente, di cercare di confermare tutte le progettualità possibili, anche se a distanza, e di portare il più possibile a scuola gli alunni con attività laboratoriali e con disabilità. Tanti progetti e tanti laboratori, dunque, ecco la ricetta ai tempi del Covid del dirigente scolastico Osvaldo Pasello.

Quali progetti?
Ad esempio stanno partendo, a distanza, i percorsi di certificazione per le lingue Inglese, Spagnolo e Tedesco e per Informatica. Come si è sempre fatto, ma stavolta lavorando a distanza.

L’Istituto poi si è iscritto a numerosi progetti regionali e nazionali al fine di tener vivo il senso di partecipazione e l’attivismo degli alunni. Tra gli ultimi, in ordini di tempo il percorso "Gentilmente", percorso di educazione alla pari dignità e al riconoscimento e rispetto dei diritti della donna, con voucher educativo della Regione Veneto. Le classi coinvolte: 3 GR, 3DR, 4 DR, 5DR. Organizzazione a cura dell’Associazione Smile Africa Onlus.
Si effettueranno laboratori di approfondimento teorico-interattivo sui temi dei diritti umani e sulla violenza di genere. Con esplorazione dei vissuti emotivi per facilitare il riconoscimento delle proprie e altrui emozioni.

Tra i tanti progetti in atto, il supporto psicologico, l’orientamento verso il mondo del lavoro e l’Università, l’orientamento per gli alunni della terza secondaria di I grado, con nuovi Meet mercoledì 13 e sabato 16 gennaio (sempre dalle 18.30 alle 19.30 e sempre con link di collegamento a disposizione nel sito dell’Istituto), i percorsi trasversali per l’orientamento pure gestiti, al momento a distanza (con centinaia di alunni a fare formazione extra-lezione, come fossero in azienda: sicurezza, impresa simulata), gli scambi con l’estero e l’Erasmus, anche in questo caso con gestione a distanza delle attività, così come i corsi di cinese (attraverso l’Istituto Confucio di cui il De Amicis è esclusivo partner provinciale), i percorsi Fami di accoglienza con percorsi di alfabetizzazione, ecc…

A dimostrare che, pur a distanza, si possono davvero curare e attivare tante progettualità. Non è certo nulla di paragonabile con l’auspicato, rapido, ritorno in aula, ma anche a distanza l’Istituto sta mettendo in campo idee e originalità. Accettando la dura sfida dei tempi.
Articolo di Martedì 12 Gennaio 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it