Condividi la notizia

SPORT

Muoversi tra i decreti e le ordinanze non è stato, e ancora non è facile

Il Gruppo Canoe Polesine Rovigo Asd, ha fatto il possibile per offrire continuità ai servizi sportivi e cercare di colmare alcuni vuoti di socialità e movimento di cui i ragazzi hanno indispensabile bisogno 

0
Succede a:

ROVIGO - Il calendario ha segnato la fine di questo drammatico 2020, l’anno della pandemia di Covid-19 e delle restrizioni, del distanziamento sociale e della didattica a distanza.  Nel difficile contesto sociale ed economico generale, sono state profondamente segnate anche le vite dei più giovani. 

Anche il Gruppo Canoe Polesine Rovigo Asd, ha fatto il possibile per offrire continuità ai servizi sportivi e cercare di colmare alcuni vuoti di socialità e movimento di cui i ragazzi hanno indispensabile bisogno.  

Parla il presidente Federico Simonetta: "Muoversi tra i decreti e le ordinanze non è stato, e ancora non è facile, tuttavia il nostro sport è intrinsecamente più avvantaggiato rispetto ad altri contesti e di questo abbiamo sentito la responsabilità di dover fare ancor meglio e di più per i nostri giovani. 

Nonostante tutto, siamo riusciti a svolgere e stiamo tuttora svolgendo un’attività sportiva continuativa e quotidiana, che assieme all’impegno della Federazione Canoa e dei Comitati Organizzatori degli eventi, ci ha permesso di partecipare a diverse manifestazioni all’interno di un calendario gare completamente rivoluzionato a partire dagli scorsi mesi di luglio e sino al mese di ottobre.  La partecipazione alle diverse manifestazioni del calendario 2020, pur con tutte le precauzioni e limitazioni del caso, ci ha regalato prima di tutto un senso di quasi normalità."

Simonetta continua "Alle gare a cui abbiamo partecipato i più che lusinghieri risultati conseguiti dai nostri ragazzi ci hanno ricolmato di soddisfazione e ci hanno fatto dimenticare i momenti più difficili.  Come ogni anno,  l'Associazione ha raccolto i momenti più significativi della stagione appena trascorsa nel tradizionale Yearbook che è consultabile a tutti sul rinnovato sito web http://www.canoepolesine.it/yearbook/  nella sezione Yearbook".  

Con il termine della stagione agonistica a partire dal mese di ottobre l'Associazione ha iniziato a costruire la futura stagione con la ripresa della preparazione fisica generale ma si è dovuto subito fare i conti con la richiusura delle attività in palestra. 

Simonetta racconta che "infatti la seconda ondata ha inferto un altro duro colpo alla vita di tutti noi ma proprio in reazione a questo, abbiamo ancora una volta rivisitato e potenziato l’ordinaria attività sportiva all’aria aperta che include, oltre alla canoa sul Canalbianco, la corsa e adesso anche la ginnastica su strada che potremo definire “street work-out”.  Compatibilmente con le attuali disposizioni in materia, abbiamo avuto anche il privilegio di continuare l’attività di nuoto grazie alla sinergia con la Rhodigium nuoto presso la piscina comunale di Rovigo completando l’offerta di attività per i nostri giovani. 

Con la distribuzione dei primi vaccini siamo confidenti che, pur non essendo il momento di difficoltà concluso, abbiamo raggiunto un punto di svolta e tutto va nella direzione di una “nuova normalità”.   Nuova perché nulla sarà più come prima, e questo ci costringere a riflettere su come poter affrontare il momento storico e rispondere alle sfide che ci aspettano. Consapevoli dell’impegno che ci aspetta, siamo confidenti che lavorando per preservare l'entusiasmo dei giovani e con il sostegno delle rispettive famiglie ce la potremo fare ancora una volta".

 

 

Articolo di Martedì 12 Gennaio 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Sport

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it